DETTI, PROVERBI
                  E
     FILASTROCCHE

             in uso a

      MONTEDORO
 

1) BabÓluci a sucÓri e fýmmini a vasÓri
 
    nun p¨annu mai saziÓre !


Non ci si pu˛ mai stancare di baciare le donne
 cosý come a succhiare il brodetto di lumache


2) CÓlati j¨ncu ca passa la china!

AdÓttati alle circostanze


3) Cu piÓcura si fa, lu lupu si lu mancia!

Chi si piega, soccombe


4) Cu si mýnti cu li sbirri,
cciappýzza lu vinu e li sicÓrri!


Chi collabora con gli sbirri
resta fregato (detto mafioso)

5) Chi mali fýci la povera c¨cca,
ca di notti vidi assa' e di i¨arnu pýcca ?

Si dice di persona che subisce
un torto senza motivo
(perchÚ il povero gufo vede solo di notte?)

6) Lu cuccu cci dissi a li cucc¨atti,
a lu chiarchiÓru ni vidýammu tutti !

Chi la fa, l'aspetti, perchÚ
prima o dopo ci incontreremo....
 

7) AmmÓtula t'allýsci a fa' cann˛la,
ca lu cantu Ú di mÓrmaru e nun suda!

E' inutile che ti fai bella, tanto
brutta sei e brutta resti

 

8) E allura ? Tri cucchiarŔddi e un lemmu !

E' finita in nulla!

 

9) Tira a minchia e fÓ sansýzza !

Il solito fortunato

 

10) Bedda, sciacquatunÓzza e lorda !

Complimento? Frase accompagnata
da uno schiaffetto, con simpatia.

 

11) Bedda, ca quannu affacci tu,
lu suli c˛dda !

Tu sei talmente bella (brutta) che
il sole sparisce al tuo apparire!

 

12) Ceee... e chi fa scimiddýa, vossýa !

Ma che fa scherza ?!

 

13) S'allupÓ la maýsa !

E' finita malamente, come il maggese
pieno di insetti

 

14) Biancu e finu l'haiu lu sali !

Grida del venditore di sale

 

15) Cu' si nichýa, perdi la parti,
mussu pizz¨ti e vastunati spÓrti
e panza vacanti


Non lamentarti se non vuoi perdere
quel poco che ti spetta

 

16) 'Nsýpa, 'nsýpa ci la fici !

Farcela al pelo

 

17) Pedi unu, pedi d¨, pedi trý,
pedi quattru,
pedi cincu, pedi sei,
pedi setti, pedi otto,
pedi novi, pedi deci,
cýciru e visc¨attu !
C˛ddani unu !

Giuoco da bambini: ci si metteva
in fila seduti e contando fino a
dieci si faceva piegare una gamba
all'indietro. Vinceva chi, in base
alla conta, piegava tutt'e due le
gambe.

 

18) Unsi, dunsi, trinsi, cari, carinsi,
gniffi, gnaffi, cunta ca deci s¨ !

Conta da uno a dieci
 

19) Chi˛ppi, scampÓ
e un si ni pozza parlÓri cchi¨

Dopo la burrasca, il sereno
 

20) A la pesca, a la pesca,
cu 'na lira si pesca,
cu' pesca bene, cu' pesca mali,
ma la pesca Ú sicura !
Alla pesca, alla pesca, ......

Cosý gridavano i bancarellari per
invogliare la gente a comperare un
biglietto per la pesca e cosý face-
vamo anche noi da bambini nei giuo-
chi di quartiere

 

21) Di j¨arnu nun ni v¨agliu
e di notti spÓrdu l'¨agliu!

Non ne vuoi di giorno e cerchi di
rimediare la notte a lume di candela ?

 

22) QuÓnnu la sorti nun ti dici,
jÚttati 'ntÚrra e c¨agli babÓluci!

Se sei predestinato, non puoi
farci proprio nulla

 

23) BahÓscia di toma' quant'ha' li minni,
cci po' addattÓri 'u scŔccu di cent'anni!

Filastrocca cantata a squarciagola
dai mietitori e dai contadini
che a dorso di mulo trasportavano
la paglia dall'aia al fienile

 

24) Curnutu cu li corna crýpi crýpi,
ddaýntra si cciaggi¨ccanu li crÓpi!

Altra filastrocca

 

25) 'U cumannÓri ....!
(e mýagghiu d'u f¨ttiri!)


Il comandare Ú meglio del fottere
(Cosý dicono dalle nostre parti)


26) Chi˛vi, chi˛vi,chi˛vi,
la gatta fa li provi,
lu surci si marýta,
cu li cÓnzi di la zýta!

Filastrocca di bambini, seduti dietro
una finestra ad osservare la pioggia


27) Dumani Ú duminica,
tagliÓmmu la testa a mýnica,
minica nun c'Ú, tagliÓmmula a lu re,
lu re Ú malatu,
tagliÓmmula a lu surdÓtu,
lu surdÓtu Ú a la guerra,
sbattýammu lu culu 'nterra !!!

Altra filastrocca senza un senso
particolare

 

28) CumÓnnu e cumannamýantu,
ordini di lu sýnnacu,
vidýti ca dumÓni .....

Il banditore annunciava alla po-
polazione un bando del sindaco o
qualche avvenimento del giorno

29) Uamini, mýazzi uamini, uminicchi,
ruffiani e quacquaracquÓ !


Le cinque categorie di uomini per Sciascia

 

30) Mi! zi pÚ! com'Ú matinieri!
e ca avagghýri a dari
la meta a li cavuli !?

In paese c'era una persona incari-
cata di fissare i prezzi al merca-
to della verdura e quindi usciva
da casa prima dell'alba

 

31) Mi l'ha scuppulÓtu !
tantu, ju' cca' avýa a scýnniri ...!

(grida Fusiddu arrizzulatu di lu sceccu
pi la terza vota)


Fusiddu era un personaggio del paese:
sbalzato a terra dal suo asino,
con un gestaccio vuole fare capire di
essere arrivato alla meta.
(la volpe e l'uva ?)

 

32) "Cali' ! p¨azzu jusciÓri?"

(grida ma nannu Federico a so' frati Caliddu
vicinu a un tubu di l'acqua
largu 1 metru e l¨angu 10 metri)


"Si, Federi', po' jusciari !!"

(rispunni Caliddu, alluntanÓnnusi di cursa!)

Federico era mio nonno, Caliddu il
suo inseparabile fratello: precisi-
ni ed un p˛ permalosi, erano dei
bravi artigiani (firrarýaddi). Di loro
si racconta pi¨ di un aneddoto.

 

33) Burruanu ! licinziatu !

(urla lu capumastru)

(
e chissu si sapýa! cummenta lu zi Sariddu)

Cannataru ! licinziatu !

(urla lu capumastru)

(
e chissu si sapýa! cummenta lu zi Sariddu)

Giurlannu ! licinziatu !

(urla lu capumastru)

(e chissu si sapýa! cummenta lu zi Sariddu)

Zi Sariddu ! licinziatu !

(urla lu capumastru)

e picchi' ?
(urla lu zi Sariddu)

Storiella paesana.
Si racconta che questo episodio
sia accaduto nella miniera di
zolfo di Gibellini, in occasione
del licenziamento di alcuni operai.



34) "Chi cuji', comu jÓmmu?"
"Ihh..! ni la mangiÓmmu la spisa!"

Tipica espressione paesana

 

35) "Comu jÓmmu zi PÚ?"
"Ia' chi vuliti cumpÓ! CuculiÓmmu!"

Come la precedente

 

36) Addýccati e vacci arrýari !

Quando una cosa piace

 

37) Burd¨ni di mýannula amara !

Sei come una mandorla bacata!


38) Lu cunýgliu avi la tana,
lu surci lu pirt¨su,
e vu', patri amur¨su,
nÚ tana nÚ pirt¨su !

Tipico canto di Natale degli
zolfatai racalmutesi

 

39) Addolalo' addolalŔdda....!
lu lupu si mancia' la picurŔdda ....!
oh picurŔdda mia comu facýsti....!
ca mmuca di lu lupu ti 'mpilÓsti ....!

Nenia ripetuta a volontÓ dai ge-
nitori per addormentare i bambi-
ni, quando la mitica 'paparina'
non sortiva l'effetto desiderato


40) A primu zuccu, 'nsolia !

Che culo!

 

41) Nn'Óvi cuda lu maccarr¨ni ?

Una cosa senza senso

 

42) Cu fu ? Chiuvýddu !

Povero Chiuviddu!


Ne aveva combinata una, ma era 
sempre responsabile di ogni marachella

 

43) Ognunu sapi quantu l'havi !

Ognuno conosce le sue cose

 

44) Vo', vo', vo',
ciccutŔdda la mamma lu vo'!
e lu sangu via via
e la carni a lu vuccirýa!
vo', vo', vo' ......


Da ragazzini si cantava in coro
dietro al povero bue che veniva
portato al macello

 

45) Cu Ú riccu d'amici, caru cumpari,
Ú poviru di guai!


Ricco d'amici, povero di guai.

 

46) "
Chi lu vuliti, mÓsculu o fýmmina?"
"Pi mia, masculu o fimmina uguali sunnu:
ma... macari si Ú mÓsculu Ú mýagliu !"


Certo che lo voglio maschio!

 

47) Vossýa, abbuca', ha va parlari
sulu quannu piscia la gaddýna !


Stia zitto, avvocato!

 

48) NnÓvi cuda lu maccarr¨ni?

Una cosa senza nŔ capo nŔ coda


49) Quannu un nnÓvi una, 'nnÓvi du' !

Ne ha sempre una


50) Cu li lampi e li trona,
mentri la ma minchia abbÓlla
e lu to' culu sona !


Espressione un p˛ volgare


51) Haiu fattu vistýta di ccÓ a Marianopoli,
e nnaiu siggi¨tu di ccÓ a la Beniamina!

Povero sarto! Nessuno lo pagava
per i tanti vestiti.
Marianopoli lontanissima.
La Beniamina sotto casa.

 

52) Sý 'na cosa d'incilippÓri

Sei proprio bello! (ironico)

 

53) Cu lu parmu e la gnutticat¨ra

In abbondanza

 

54) Biancu e finu l'haiu lu sali ...!

Venditore di sale

 

55) V'accattÓtivi i cuasŔtti, o fimmini,
ca passa u cuasittÓru ...!


Venditore di calze

 

56) PidunŔtta pi omu, pidunŔtta pi donna ..!

Venditore di calzini

 

57) Marýtati ca t'arricrýi !

Son cavoli tuoi!

58) Quannu la minchia si sbroglia
nun canusci patruni!

Quando scappaů. scappa!


59) Portatýllu addiddý

Portalo a spasso (per Bambini)

 

60) Va ni la zÓ Teresa e fatti dari
tantýcchia d'addimuru

Per levarsi i bambini di torno
si mandavano a chiedere un p˛ di
addimuru (indugio) presso amici o
parenti

 

61) Piscia, piscia e 'un t'affruntÓri,
ch'arrivati a la funtanŔdda,
hammu a ýnchiri la quartarŔdda !

Filastrocca per invogliare i
bambini a far pipý

 

62) A la muta la surda

Di nascosto, di sotterfuggio

 

63) Scrusciu assÓ e cubbÓita nenti

Solo apparenza e niente sostanza

 

64) Unni caca tummi, tummi,
tu manci mmerda e i¨ palummi


Filastrocca burlesca

 

65) E chi nnicchi e nnacchi!

E che diavolo! E che c'entra!


66) Di sali e pipi minticcýnni Ĺna visazza:
falla comu v¨a, sempri Ú cuc¨zza

Tanto non cambia nulla

 

67) Li sordi fannu sordi
e la luta fa pid¨acchi

I soldi producono altri soldi,
mentre la miseria crea miseria

 

68) Fatti la fama e vÓ c¨rcati

Fatti conoscere e sei a posto
(o fregato) per tutta la vita


69) Ma chi sý, diavulu o nadurýsi?

O sei folle o sei matto


70) Patri e figliu s'incontranu 'mmiazzu
li scali: lu patri scinnýva e lu figliu
acchianava.


"
Comu jammu?" dici lu patri a lu figliu.

"
Ih! Acchianammu!" rispunni lu figliu.

"
E vossýa, pÓ, comu va?" dici lu figliu.

"
Ih! Scinnýammu!" rispunni lu patri.

Padre e figlio s'incontrano sulle
scale: il padre scendeva mentre
il figlio saliva.

"Come andiamo?" chiede il padre.
"Salgo!" risponde il figlio.
"E tu?" chiede il figlio.
"St˛ scendendo!" risponde il padre.
Le scale non erano quelle di casa
loro, ma di una "casa chiusa".


71) Si nun fÓ lu bravu, ti mannu a carriÓri

Come i carusi, nella miniera!

 

72) Lu surci cci dissi a la nuci,
dunami týampu ca ti spirtusu


Il topo disse alla noce:
Dammi tempo che ti buco!


73) Arrivari allĺura di m¨nciri!

Giungere quando Ŕ giÓ tutto pronto


74) "Chi dici tu, AnninŔ!
Prima manciÓmmu e p¨a...."

"Sý, CarmŔ!
Comu dici tu facýammu e p¨a manciÓmmu!"

Facciamolo subito, ci˛ che dobbiamo fare!
(Federico Messana ľ Eĺ giallo il pane del sud)


75) Cunigliu austinu, nesci tardu la sira
e s'arricogli prestu a lu matinu

Detto venatorio


76)  NiculÓ NiculÓ, lu cappýaddru ti vulÓ, ti vulÓ Ĺmmiazzĺa la chiazza, NiculÓ vivi pisciazza.

 

77) Tanu Tanu Tanu, lu malatu porta lu sanu,

 

78)  ôDĺunni výani Tot˛?ö
      ôDi la caccia papÓö
      ôChi Ĺngagliasti Tot˛?ö
      ôUn cunigliu papÓö
      ôBravu Tot˛ö
      ôGrazzii papÓö.

 

79) Liddru Patiddru ajhÓ un picciliddru. LĺajhÓ a la brivatura,   Liddru testadura.



80) MichellallÓ, MichellallÓ, aveva un cagnolino, piccino piccino, lĺaveva per giocar.
 Quannu sĺassetta si fuma la sigaretta, quannu si susi Ĺncujeta li carusi.

             ===============