(201 - 400)
DETTI, PROVERBI
            E
FILASTROCCHE

       in uso in

      S I C I L I A



201) Si hai lu carru cu li v˛i,
po' fari prestu li fatti t˛i

Chi ha carro e buoi fa bene i
fatti suoi

 

202) Vinni lu cinisÓru cu li carr¨bbi

E' venuto chi pu˛ mettere freno

 

203) PŔrdiri la carta di navicÓri

Perdere la bussola

 

204) Bedda carta mi canta 'n cann¨lu

Essere sicuro e nella via legale

 

205) Diri na cartŔdda di mali criÓnzi

Dire un sacco di villanie

 

206) Cu' s'amm¨ccia e nun Ú pigghiÓtu,
nun po jiri carzarÓtu

Ovvio

 

207) A la casa di Pilatu,
cu' Ú ciuncu cu' Ú sturpiÓtu

Son tutti malandati

 

208) A la casa di lu 'mpýsu
'un si po appŔnniri un ugghial˛ru

Non parlare di corda in casa
dell'impiccato

 

209) Tinta ddÓ casa chi voli puntýddi, o
Tinta ddÓ casa chi nun havi cappeddu

Guai a chi ha bisogno
dove non v'Ú un uomo

 

210) Tantu cc'Ú di la mia casa a la tua,
quantu di la tua a la mia

Siamo uguali


211) Mali sta la casa,
chi la cun˛cchia cumÓnna la spata

Triste la casa dove a comandare
Ú la donna

 

212) Casa pi quantu stai,
vigna pi quantu vivi,
terra pi quantu vidi,
e rŔnnita pi quantu p˛i

Sarebbe bello...

 

213) Picci˛tti e gaddýni
cacanu la casa

Ragazzi e polli imbrattano la casa

 

214) Megghiu a la casa tua cu pocu pani
ca 'n casa d'autru pirnici e fagiani

Meglio pane ed aglio a casa mia
che arrosto in casa altrui

 

215) Cauciu di jumŔnta,
nun fici mali a lu stadd¨ni

Calcio di stallone non fa male al cavallo

 

216) NÚ cazzi, nÚ mazzi !

Nulla affatto

 

217) Lu cecu nun giudica di li culura

Non si pu˛ giudicare di cose ignote

 

218) Lu celu lu jittÓu, la terra l'apparÓu

Dicesi di chi sia solo al mondo
o sciocco e buono a nulla

 

219) Essirici passatu lu chian˛zzu

Di petto senza tette

 

220) Sai cu' torna a casa sanu?
cu' va pi lu chianu!

Chi va piano...

 

221) Apri la porta di ferru chiavi d'oru

Chiave d'oro apre ogni porta

 

222) La chiavi a la cintura
e lu focu a lu pagghiÓru

Chi crede di essere al sicuro ed Ú
pi¨ che mai in pericolo

 

223) Senza nŔ chistu nŔ chiddu

Senza pi¨, senz'altro

 

224) Una bona china, tri jorna mina

Chi si Ú abbuffato ne ha per
tre giorni

 

225) Mi cridýa chi chiuvýa,
ma no chi diluviava

Credevo che dovesse piovere
e non diluviare

 

226) Quannu chiovi e malu tempu fa
in causa d'autri malu stÓ

PerchŔ mancano tutti i comodi

 

227) Fa cuntu chi chi˛ppi, scampau
e nun si ni pozza partali chhi¨

Come se non fosse stato nulla

 

228) Nun vaja scÓusu cu simina chi˛vi

Chi fa male, si guardi bene

 

229) Quantu Ú lu chi˛vu, Ú lu pirtusu

Ogni cosa adattata: alla fine siamo
tutti tanto grandi quanto la fossa


230) Lu cchi¨ tintu chiovu di la carrozza
sempri si senti

Chi ha pi¨ difetti, pi¨ grida

 

231) Nun mi ni scantu cchi¨, di chissi chissi

Chi ha giÓ esperienza di una cosa

 

232) Mittirisi cu lu chi¨mmu e lu cumpassu

Procedere lentamente per pigrizia

 

233) Quannu lu to' vicinu havi beni
quarchi ciauru ti ni veni

Quando si Ú vicini a ricchi ne
viene qualche vantaggio

 

234) Sýnni inchi l'occhi, cu' ciniri ciuscia

Chi di cose inutili non ne ha alcun
vantaggio

 

235) Si nun voi agghi, ti pigghi cipuddi

Di chi costringe altri a tacere
se non vuole il peggio

 

236) Sunnu beddi li pruna e cirÓsi,
tinta ddÓ panza chi pani 'un ci trasi

Gli accessori senza il principale
non valgono nulla

 

237) Ceusi, cirasi e ficu, sýacci 'nnimicu

Andare a fondo nella rimonda

 

238) Nun si po' aviri la cisca china
e lu viteddu grassu

Non si possono avere due cose ad
una volta

 

239) A lu giru di lu ciumi, nun ti fari baruni

La proprietÓ vicino al fiume non Ŕ sicura

 

240) Tutti li ciumi e li ciumari
c¨rrinu a lu mari

Le cose vanno secondo il loro ordine

 

241) Un sulu ci¨ri nun fa primavera

Un sol caso non fa regola

 

242) Ogni ciuri a la fini perdi lu so oduri

Ogni cosa passa

 

243) La collira di la sira
sarvatýlla a la matina

Bisogna agire dopo che sia
passata la collera

 

244) Cu' havi cummuditÓti e nun si nni servi
nun cc'Ú cunfiss¨ri chi l'assolvi

Si deve approfittare delle occa-
sioni, sen˛ sfuggono

 

245) Lu cumprari ti n'insigna a výnniri
e lu guadagnari a spŔnniri

Il comprare insegna a spendere

 

246) Comu? A ddÓ banna Milanu !

!!!

 

247) TrÓsiri 'ntra la coppula
di lu patri eternu


Volere sapere cose recondite

 

248) Cui troppu tira la corda, la rumpi

Il troppo Ú troppo

 

249) Corda fa viteddu, zimma fa purceddu,
costa fa agneddu, para fa ciaurŔddu

La corda fa il vitello, l'ardia
il porcello, il pascolo l'agnello
la vergheria il capretto

 

250) Nun si chiama scappatu
cu' strascina la corda

Chi Ú in pericolo non si creda al sicuro


251) AttassÓri o arrivulari lu cori

Avere improvvisamente paura

 

252) Aviri lu cori comu 'na granfa di purpu

Spilorceria, stitichezza

 

253) Cori cuntenti e vŔrtuli 'nc˛ddu

Contento anche se povero

 

254) Curnutu e vastuniatu

La beffa ed il danno

 

255) Manciari li corna o lu civu di li corna

Nuocere altrui

 

256) Corna e vastunati' cu' l'avi si li porta

Non c'Ú scampo

 

257) Voi sapýri cu' nun avi corna?
Cu' s'affaccia a lu suli e nun fa umbra!

Ognuno ha il suo impiccato allĺuscio

 

258) Pensa la cosa prima chi la fai,
chi la cosa pinsata Ú bedda assai

Prima di fare bisogna pensare

 

259) Cosa cara tin¨ta, mezza vinn¨ta

Vero

 

260) Cosa ben dunÓta,
nun Ú pirduta ma guadagnata

Piacer fatto non va perduto

 

261) Asciuttu comu 'n'aranciu di Partanna

Tirchio, avaro

 

262) Cu' duna a cridenza perdi l'amicu
e perdi li dinari,
cu' 'mpresta li dinari o fa cridenza
'mpresta 'nnimicizia e resta di senza

Chi dÓ a credenza, spaccia assai,
perde l'amico e i denari non ha mai

 

263) Esseri lu Cristu 'mmezzu li Jiudei

Innocente tra cattivi

 

264) Lu figghiu di lu crivaru
fa li crivicŔddi

I bambini scimmiottano i grandi

 

265) A cruci o 'ncruci e nuci

A forma di croce

 

266) Cu' nun p˛ accattari, pattýa

Chi non ha modo, offre la volontÓ
Chi non pu˛ comprare, patteggia

 

267) Ti salutu, cucca!

Addio, Ú finita!

 

268) Ti salutu, pedi di ficu!

Non c'Ú pi¨ alcun rimedio!

 

269) Li guai di la pignata
li sapi la cucchiÓra chi l'arrimina

Chi ha preparato la minestra sa
cosa bolle in pentola

 

270) Testa chi nun parra, si chiama cuc¨zza

Non si deve fingere ignoranza in
cose dove si deve interloquire

 

271) Jiri lu culu trýnguli, mýnguli

Avere eccessiva paura

 

272) A ssu culu scippi ancýddi!
li voi grossi o minutýddi

Modo basso per schernire gli avari


273) La cammisa nun ci tocca lu culu!

Chi per allegria non sta in se

 

274) Chi cci trasi lu culu
cu lu ciÓscu d'acitu!

Che c'entra, che cci azzecca?

 

275) Si mustrati lu culu a li foddi
tuttu l'annu ci l'avýti a mustrari

A certa gente non bisogna mostrare
accondiscendenza

 

276) Dari lu culu a la balÓta

Battere il culo sul lastrone (fallire)


277) Cci fa lu culu jabicu jabicu

(Catania) Di chi ha molta paura

 

278) Cu' avi lu culu cacatu, sempri si scanta

Chi Ú in colpa teme il castigo

 

279) La troppu cunfidenza veni a mala criÓnza

Chiaro

 

280) Aviri cchi¨ debbiti ca nun pisa

Averne di molti

 

281) E' megghiu debbitu vecchiu
ca piccatu novu

Meglio debito vecchio che nuovo
peccato

 

282) Si debbiti hai, e debbiti fai,
si nun fallisci, mentirai

Non c'Ú via di scampo

 

283) Ogni prumissa Ú debbitu e si paga

Mantenere la promessa fatta

 

284) Lu diavulu Ú suttili e fila grossu

E' pi¨ pericoloso che non si creda


285) Lu diavulu s'infila mmezzu a li cip¨ddi

Come il precedente

 

286) Quannu lu to diavulu jiva a la scola
lu miu era dutturi

Gli anziani sono pi¨ astuti dei giovani


287) Quannu lu diavulu fu vecchiu
si fici rimitu

Allusione ai bigotti: quando non
si ha pi¨ forza di far cattiva
vita, si danno all'ipocrisia

 

288) Li difetti di li medici
li cummoglia la terra

La tomba copre tutto

 

289) Lu sÓturu nun cridi a lu dij¨nu

Corpo satollo non crede al digiuno

 

290) Littra mi manni e littra ti mannu
manna dinÓri si voi lu pannu

Il denaro Ú il movente di tutto

 

291) Senza dinari nun si canta missa

Ovvio

 

292) Cci dissi lu medicu a gagghianu
paga dinari si vo' stari bonu

Anche il medico vuole la sua parte


293) Cu' avi dinari sputa sintenzi

Ha molti adulatori

 

294) Si voi aviri dinari bisogna travagghiari

Senza lavoro non si vive

 

295) Senza dinari menzu malatu pari

Non pu˛ levarsi alcuna voglia

 

296) Senza dinari nun crisci lu pani,
nun crýscinu l'˛mini si nun crisci lu pani,
senza dinari, nŔ omini nŔ pani

Senza il denaro, niente

 

297) Li dinari di lu sacristanu
cantannu vennu, cantannu sinni vannu

Il mal tolto non dura

 

298) La donna, lu ventu e la ventura,
pocu dura

La donna Ú mobile...

 

299) Nun capýricci 'na 'nzita 'nculu

Essere pieno di se

 

300) Lu scrupulu di la 'nzita

Chi si fa coscienza di poco Ú reo
di cose enormi

 

301) Nun p˛ essiri virtuusa
la donna chi sta ozi¨sa

Donna oziosa poco virtuosa

 

302) La donna ridi quannu p˛
e chianci quannu v˛


Cosý dice il proverbio

 

303) La donna e lu vinu
levanu lu giudiziu all'omu

Che si crede sesso forte

 

304) Cu li donni si ridi a la trasuta
e si chiangi a la nisci¨ta

Se ne vanno gli amori e
restano i dolori

 

305) La donna spissu si lamenta e d˛li
e si fa malata quannu voli

Donna si lagna, donna si duole,
e s'ammala quando lo vuole

 

306) Cu' havi mala donna pi cumpagna
havi lu priatoriu a stu munnu


Chi ha cattiva donna ha il
purgatorio per vicino

 

307) Nun su li donni chi nun gustanu
si li dinari chi nun bastanu

Di qualsiasi cosa che si lascia perchÚ cara


308) La donna senza onuri Ú rosa senza oduri

Chiaro

 

309) Unni la donna guverna,
la paci nun ci sverna

In casa non c'Ú pace, quando
gallina canta e gallo tace

 

310) Vali cchi¨ una donna filandu
chi centu regnandu


Vale pi¨ una donna savia filando,
che cento triste vegliando

 

311) Donna di dicir˛ttu, omu di vint˛ttu

L'etÓ giusta per maritarsi

 

312) Tannu la donna sta firma cu unu,
quannu lu turcu si fa cristianu

CioŔ mai


312) Li donni schetti su comu li tuvagghi,
cu' iungi cci voli stuiÓri

Ognuno vorrebbe corteggiare le zitelle

 

314) Cui a týa pari chi dormi e riposa,
chiddu porta la cruci chhi¨ grav¨sa

Vuol dire che soffre pazientemente

 

315) Tri uri dorminu li santi,
cincu li studenti,
setti li cumuni,
e novi li putr¨ni

Ore da dormire secondo le condizioni

 

316) Stari a lettu e nun durmýri
Ú 'na pena di murýri

E' terribile

 

317) Nun canusciri nŔ erba nŔ lav¨ri

Non distinguere il bene dal male

 

318) Quannu nasci lu re di l'erva
nun si ni cura la pecura orva

Quando nasce la romulea, la
pecora cieca non teme pi¨

 

319) Comu basta a milli pecuri,
suverchia a milli crapi,
l'erva di centu vacchi

Come basta a cento pecore,
soverchia a mille capre,
l'erba di cento vacche

 

320) Nun jinchi li visÓzzi,
estati chi fa cuc¨zzi e ramurÓzzi

L'estate chi fa zucche e rafanelle,
non arricchisce

 

321) EstÓ in invernu e nell'invernu estati,
nun ti darannu mai li boni annati

Ogni stagione a suo tempo

 

322) Avýri quattru facci comu lu cascavÓddu

Essere doppiamente traditore

 

323) Aviri la facci di liuni
e lu cori di cunigghiu

Faccia di leone e cuore di coniglio

 

324) Facci senza cul¨ri, o fintu o tradituri

E se fosse ammalato?

 

325) La fami fa nŔsciri la serpi di la tana

Tanto Ú potente

 

326) Cani chi havi fami, mangia cip¨ddi

Se c'Ú fame si mangia di tutto

 

327) Ogni cosa si p˛ suppurtÓri
a poi di la fami

La fame non conosce legge

 

328) Cu' havi fami nun cerca cumpanÓggiu
e cu' havi sonnu nun cerca capýzzu

Chi ha fame non cerca contorni
e chi ha sonno non cerca letto

 

329) Essiri capaci di murýri di fami
'mmezzu a li guastŔddi

Come morire di fame in un forno!

 

330) Ognunu la fa comu la 'ntendi

Ognuno fa a suo modo

 

331) Cu la fa si la scorda,
ma cu la ricivi si la signa a jiditu

Chi fa male se la dimentica ma
non chi la riceve

 

332) Lu ben diri vali assai,
ma lu ben fari vali cchi¨i

Altro Ú dire, altro Ú fare

 

333) Megghiu s'insigna cu lu fari,
chi cu lu diri

Vale pi¨ un esempio che cento parole

 

334) Essiri comu la fastuca e lu scarnabeccu

Essere sempre insieme

 

335) Ogni fatica lu s˛ premiu aspetta

Ogni fatica merita ricompensa

 

336) Mancia ficu e 'nzita ficu

Mangia fico e innesta fico

 

337) Amicu cu tutti e fideli cu nuddu

Un p˛ macchiavellico...

 

338) Tu p˛ figghiÓri e p˛ jiri a nurrýzza

Negare assolutamente una cosa

 

339) Cu' cunta sgarra e cu' camina zoppica

Solo chi non fa nulla non sbaglia

 

340) Cuntari la menza missa

Dire la cosa a modo suo

 

341) Nun vi dicu e nun vi cuntu

Per esprimere meraviglia

 

342) Cu' cunta metti la j¨nta

Chi racconta vi aggiunge del suo

 

343) Cuntari cýciri e favi

Riferire cose sconclusionate

 

344) Cci ni cuntÓu quantu cchi¨ nni vosi
e cci li detti tira e cunta

Di chi ha menato le mani,
l'ha pagato in contanti

 

345) Si vui vuliti campari cuntenti
vutÓtivi d'arrŔri e no davanti


Non guardarti davanti, ma dietro
se vuoi vivere contento

 

346) Sempri stenta cu' mai Ú cuntenti

Chi non si contenta non gode

 

347) Fari lu cuntu senza l'osti

Senza il consenso dell'altra parte


348) Dari lu cuntu di lu Papa a li sbirri

Udire sbadatamente, a malincuore

 

349) Cunti spissi amicizia longa

L'amicizia non deve pregiudicare
l'interesse

 

350) O si c˛nza o si sburdi cchi¨

O si aggiusta o si guasta tutta

 

351) Mai si conza si nun si guasta

Si riparano le cose guaste

 

352) Stari comu un cunigghiu di ddýsa

Grasso, grosso e ben tenuto

 

353) PigghiÓri lu forti comu lu cunigghiu

Mettersi al sicuro

 

354) Di lu 'nnimicu nun pigghiari cunsigliu

Facile capire perchŔ

 

355) Pi troppu cunsigghi si perdi la guerra
e pi tanti giudizi si sgarra

Consiglio di due non fu mai buono

 

356) Ntra patri e figghi
'un ci vonnu cunsigghi

Negli affari di parenti nessuno
deve intromettersi

 

357) Un cunsigghiu sanu vali pi centu manu

Un consiglio vale pi¨ dell'oro

 

358) Aiutu a lu bisognu e no cunsigghiu

Meglio un aiuto che consigli

 

359) Pigghia cunsigghi di vecchi
serviziu di giuvini
e nun ti fidari di nuddu

Consiglio di vecchio ed aiuto di giovane

 

360) Sunnu jungi¨ti chiddi
di lu malu cunsigghiu,
chissÓ cu' havi a chiangiri

Quando si vedono persone
cattive confabulare

 

361) Accussý mi la cuntaru
ed iu vi la cunsignu


Relata refero.. ve la racconto
come me l'hanno raccontata

 

362) CiusciÓri 'nculu a ciatuni

Sbuffare forte

 

363) Torna parrýnu e ci¨scia

Di chi ripete le stesse cose

 

364) Camulýrisi lu sensiu o lu cirivŔddu

o li civa di li corna

Fantasticare, lambiccarsi il cervello


365) La campana Ú la trummetta
di la sepultura

PerchŔ suona a martoro

 

366) La campana dici dÓmmi e d¨gnu

Esprime il dovere di aiutarci

 

367) Cu' di spiranza campa, dispiratu mori

E' verissimo

 

368) CampÓri aboc e abac

Vegetare, vivere a caso

 

369) Cu' campa tuttu l'annu,
tutti li festi vidi

Se si campa quante cose s'ha da vedere!

 

370) LivÓrisi di li stizzi
e mittýrisi a li canali

Di chi volendo migliorare invece

peggiora, di male in peggio

 

371) Campari e manciari a sonu di campanŔdda

Fare vita agita a spese altrui

 

372) Cu' nni voli la testa
e cui nni voli lu bustu

Di chi Ú perseguitato

 

373) Tanti manu Diu li binidissi,
ma no 'nta lu mÚ piattu

Dove son molte mani, chiudi

 

374) Arrivari la mula a lu f¨nnacu

Giunger in mal tempo

 

375) Arristari 'ntra l'acqua di l'aranci

Rimanere in pericolo

 

376) Jiri 'nnarriŔri comu lu curdaru

Non progredire

 

377) Pagari a curcur¨,
quantu mettu ýu, metti tu


Per dire che ognuno debba
pagarsi il suo desinare

 

378) Li cosi pi forza nun hannu valýa
Cosa pi forza nun vali 'na scorza


Le cose fatte a forza non hanno
efficacia

 

379) A quali funnacu dettimu oriu 'nsemula?

Dove ci siamo conosciuti?

 

380) Avýri la frevi di lu 'mpisu

Essere angosciato

 

381) Pi frevi tirzana nun sona campana

Non si muore per la terzana

 

382) Frevi cci vegna a cu' frevi mi misi
ca sugnu ciuri di tutti li misi

Degli innamorati non corrisposti

 

383) Frevi quartana li vecchi ammazza
e li gi¨vini sana


La febbre quartana ammazza il
vecchio e sana il giovane

 

384) Lu friddu di jinnaru,
lu malu tempu di frivaru,
lu ventu di marzu,
l'acqui d'aprili,
l'acquazzina di maju,
lu bonu mŔtiri gi giugnu,
lu bonu pisÓri di lugliu,
li tri acqui d'ag¨stu,
cu la bona stagi¨ni
vannu cchi¨ di lu tronu di Salamuni


Detto di contadini

 

385) Lu friddu di marzu
s'infila tra lu cornu di lu v˛i

Tanto Ú forte

 

386) GuÓrdati di la livata di lu friddu

Guardati di chi pare paziente

 

387) Comu 'na frinzi di nŔspula

La corona che Ú attorno alla
parte superiore della nespola

 

388) Lu friscu di l'estÓ pi li frumenti,
'ntra l'invernu Ú poi causa di lamenti

Il fresco dell'estate fa dolere
il corpo d'inverno

 

389) FrivÓru lu curtu, lu peju di tutti

Febbraio il peggiore dei mesi

 

390) Si frivaru nun frivýa,
marzu nun erburýa

Dipende da febbraio se tutto
andrÓ bene

 

391) Curtulýddu Ú frivaru,
menzu duci e menzu amaru

Febbraio Ú cortino, metÓ dolce
e metÓ amaro

 

392) Cu' trama frodi sŔ stissu rruina

L'inganno torna a casa sua

 

393) Gran f¨dda e pocu výnnita

Molta apparenza e poca sostanza

 

394) E' megghiu f¨iri cu onuri
ca arristari cu vri˛gna

Meglio fuggire con onore che
restare con vergogna

 

395) E' veru ca f¨iri Ú vri˛gna
ma Ú sarvamentu di vita

E' vero che fuggire Ú vergogna
ma ti salva la vita

 

396) Ogni lignu havi lu so fumu

Ognuno ha i suoi difetti

 

397) Tuttu fora fumu, ventu e negghia

Tutto fuor che cannonate

 

398) Vinirisýnni a fumu calatu

Senza farsi sentire

 

399) Cu' mori pi li funci
nun c'Ú nuddu chi lu chianci

PerchŔ Ú colpa sua

 

400) Fungi e milinciÓni,
comu l'hai fattu jŔttali a li cani

All'autore di questo proverbio
non piacevano funghi e melanzane