(601-800)
DETTI, PROVERBI
            E
FILASTROCCHE

       in uso in

      S I C I L I A


601) Punenti e libbici
malannaja cu' beni nni dici,
Libbici mai beni fici
si qualchi vota ni fici
nun fu veru libbici

Il libeccio visto come un
vento cattivo

 

602) Libbici, quagli pi amici

Spirando libeccio abbondano guaglie

 

603) Li libbra fannu grpiri li labbra
Cu' ha libbra, ha labbra

Sanno discorrere

 

604) Libbru sirratu nun fa letteratu

Se non si studia bene non s'impara

 

605) Si voi prestu impoviriri
adda l'omini e nun cci jiri

Chi non bada ai propri interessi
ne ricava male

 

606) Nun ti teniri pi inciuriatu
si mai nun si 'nnuminatu

Chi troppo s'offende si fa poi
ridere addosso

 

607) Cu' autru 'cueta, se stissu mulesta

Chi ad altri fa male, a s fa danno

 

608) Ogni lignu havi lu so vermi

Ognuno ha i suoi difetti

 

609) Ancra metti ligna ca la pignata vugghi?

Ancora ne parli?

 

610) La limosina licca,
cu' tasta s'addicca

Chi avvezzo a vivere di ele-
mosina, non lavora pi

 

611) La lingua curri unni penni l'affettu

La lingua batte dove il dente duole

 

612) La lingua nun ha ossu
e tagghia minutu e grossu

La parola pu offendere pi della spada

 

613) Quannu la lingua voli parrari
lu divi prima a lu cori dimannari

La parola bisogna che esprima
il sentimento interno

 

614) Lu linu curtu e fa tila longa

Da cose piccole, cose grandi

 

615) Stenni lu pedi, quantu lu linzolu teni

Nonn fare pi di quanto non si pu

 

616) Petra smossa nun pigghia lippu

Non fare l'uovo da nessuna parte

 

617) Fabbrichi e liti, pruvati e viditi

Sono dispendiose

 

618) Lu litigari e lu fabbricari
fannu l'omu impuviriri

Patire dolce impoverire

 

619) Littra fatta, curreri aspetta

Meglio prepararsi

 

620) Quannu lu liuni mortu
li lepri ci satanu di supra

Quando il forte non pu pi
i vili l'offendono

 

621) Curcati prestu e levati matinu,
si v gabbari lu t vicinu

Vita attiva per i propri interessi

 

622) Lu livari e nun mettiri nun funtana

Ogni cosa viene a fine sciupandola

 

623) Quardati di la livata di lu bonu

Quardati dall'ira dell'uomo savio

 

624) Locu quantu vidi, casa quantu stai
e vigna quantu vivi

Un posto per vedere, una casa per
abitarci ed una vigna per vivere

 

625) La lumera fa luci ad autru
ed idda resta oscuru

I generosi si consumano per altri

 

626) Essiri comu la cannila
chi ad autri luci e se stissa cunsuma

La candela si accende e si consuma

 

627) Luna curcata, marinaru addritta

Stia attento il marinaio con
poco chiaro di luna

 

628) All'ossu, all'ossu, di la luna
e cu' l'ascia s'incuruna

Cantilena di fanciulli

 

629) La luntananza nun cunsuma amuri

La lontananza non consuma amore

 

630) Picciula cosa di luntanu purtata,
da tutti veni bramata

Cosa rara, cosa cara

 

631) La lupa, la risina e la furmica,
si mancianu la fava e la favuzza

Infestano le fave

 

632) Jucari cu du favi e 'na luppina

Tener il piede in due staffe

 

633) Mittiri mmucca di lu lupu

Metter in potere del nemico

 

634) Hai lu lupu e vai circannu lu rastu?

Quando vedi il lupo non cercarne
le impronte

 

635) Lu lupu pigghia di li cuntati

A volte non valgono certe precauzioni


636) Prima chi passa maggiu,
metti a'nn ordini li ligami, la fauci
e l'autri straguli

Prepara gli attrezzi per tempo

 

637) Unni maggiuri cc', minuri cessa!

Ubi maior, minor cessat

 

638) Si riccu v fari lu burgisi,
simina l'oriu supra li masi

L'orzo sul maggese viene abbondante

 

639) Li malanni su comu li fogghi,
cu' li manna l'arricogghi

Ricascano su chi li manda

 

640) Malata di lupi, sanit d'agneddi

Il male al cattivo un bene per loppresso


641) Li malati vennu currennu
e sinni vannu zuppicannu

Il male viene a carrate e va via ad once

 

642) Ognunu sa diri a lu malatu,
lu signuri vi manna pacenzia

Il sano consiglia il malato

 

643) Autru fa lu mali ed io nni patu

L'innocente patisce

 

644) Cu' di mali veni 'mbeni,
cu du' manu si lu teni

Poi se ne guarda bene

 

645) A cu' natura a lu mali inclina,
a forza di virtuti si raffrena

oppure

Bench natura a lu mali t'inclina
si ti raffreni nn'acquisti unura

E' chiaro

 

646) A lu mali nun cc' funnu,
a lu peju nun cc' fini

Un male tira l'altro

 

647) Cu' malu pi natura,
dura finu la sepurtura

Chi nasce cattivo ...

 

648) Di lu malu pagaturi, o oriu o pagghia

Prendi tutto da chi paga malamente

 

649) Zoccu fa la mamma a lu cufilaru
fa la figghia a lu munnizzaru

I bambini seguono i costumi dei genitori

 

650) Chi haiu manciatu, c'haiu a biviri?

Che ho goduto perch paghi?

 

651) Manciari a tavula misa e pani sminuzzatu

A spese altrui

 

652) Manciari pani e sputazza

Scarsamente

 

653) Cu' mancia, fa muddchi

Chi fa, falla!

 

654) Lu manciari senza viviri
comu l'annuvulatu senza chiviri

Come murare a secco

 

655) Cu' mangia la carni di lu re
supra l'annu caca l'ossa

Chi serve non finisce bene

 

656) Pocu manciari, pocu parrari e caudu di
pannu, nun fici mai dannu

Non fanno mai male

 

657) La vacca chi nun mancia cu li voi,
o ha manciatu o mancia poi

Chi va a tavola senza fame

 

658) L'ura di manciari,
pi li ricchi quannu hannu fami,
pi li poviri quannu hannu dinari!

Chiarissimo

 

659) Cu' travagghia a mandra mancia ricotta

Chi lavora, guadagna

 

660) Cu' mana, nun pina!

Chi maneggia quello degli altri
non va a letto senza cena

 

661) Cu' voli anna e cu nun voli manna

Chi vuole vada, chi non vuole mandi

 

662) N di stati, n d'invernu,
nun lassari lu mantellu

Per ogni evenienza

 

663) Fari comu lu mnticiu di lu firraru

Sbuffare

 

664) Cu' perdi cappa e ricupera mantu,
nun perdi tantu

Di chi pur perdendo ci guadagna

 

665) Nun taliri li manu di nuddu

Di chi avanza tutti nel fare

 

666) Una manu lava all'autra
e tutti dui lavanu la facci

Una mano lava l'altra

 

667) Manu caddusi, manu gluriusi

Mani callosi, mani gloriosi

 

668) Centu mani Diu li binidissi,
ma no 'nta lu m piattu

Dove son molte mani, chiudi

 

669) Si vasanu a li voti ddi manu
chi si vurrianu vidiri tagghiati

Odiato ed adulato

 

670) Ogni pitrudda servi a la maramma

Ogni cosa serve
(per maramma si intendeva la fabbrica
del Duomo o le mura di Palermo)

 

671) Maramma 'mmenzu via, mastri in quantit

Cosa esposta al pubblico, ognuno vi
trova qualche difetto

 

672) Firriri pi mrcati e pi mulina

Andare a zonzo

 

673) Loda lu mari e teniti a la terra

Loda l'utile ma tieniti al sicuro

 

674) Mari, donna, focu, dacci locu

Tre cose da temere

 

675) Cu' a mari navica,
e cu' a terra giudica

Chi in pericolo si travaglia,
chi n' fuori giudica

 

676) A terra di marina zoccu nun ci trovi la
matina, trovi la sira

Da un momento all'altro si arric-
chisce di ci che serve

 

677) Marilu e viulinu ti diverti a lu matinu

Scacciapensieri e violino piacciono
al mattino

 

678) Martati a to figghiu quannu voi,
a to figghia quannu poi

Per le figlie bisogna che capiti
per l'uomo basta cercarlo

 

679) Cu' bonu si voli maritari,
marita li figghioli cu so' pari,
pi nun si avri un jornu lamintari

Il parentato dev'essere pari

 

680) Cu' si marita sta cuntenti un jornu,
Cu' ammazza un porcu sta cuntenti un annu

Il matrimonio vale meno di un porco

 

681) Cu' si marita e fa la casa, resta cu la varva rasa

Di chi fa due spese in una volta

 

682) Lu maritu pinci e lu maritu tinci

Da lui dipendono cose buone o meno

 

683) Maritu senza affettu
comu la casa senza tettu

Chiaro

 

684) Megghiu maritu purceddu,
chi garzu 'mperaturi

(Garzu= amante disonesto)
Piuttosto che puttana del grande,
meglio essere moglie del piccolo


685) Omu maritatu, aceddu 'ngaggiatu

Matrimonio = carcere

 

686) Nt maritu e mugghieri,
cu' si cc'immisca gran sumeri

Tra moglie e marito non mettere dito


687) Sceccu e maritu accttalu puddtru

Che il marito sia giovane

 

688) Mentri s martddu dalli e duna,
ma quannu s 'ncunia beni ti sta

Di chi abusa della propria posizione

 

689) Ntra marzu mi rifazzu,
'ntra aprili mi veni a vidi,
si 'nta maju 'un t'attalentu,
vinni li voi e accatta lu frumentu

Accenna il cominciare a ristorarsi
della natura in marzo mentre la
primavera s'avvicina

 

690) Si 'nta marzu ci acquazzina,
annata di risina

La rugiada di marzo causa della
ruggine

 

691) Tantu durassi la mala vicina,
quantu la nivi marzulina

Cio poco

 

692) Si nun tingi, mascara

Se non tinge, sporca

 

693) Nun sia nisciunu chi si fazza mastru

Nessuno creda di non poter sbagliare

 

694) Lu bonu mastru fa lu bonu discipulu

Chiaro

 

695) Mastru chi fa un panru, nni fa centu

Chi fa trenta, fa trentuno

 

696) Cu' perdi la matinata, perdi la jurnata

Tenere conto della mattinata

 

697) La matri piatusa fa la figghia tignusa

Nell'educare i figli non ci vuole

debolezza

 

698) Matrimoniu tardu, orfani priminti

Sposo vecchio, figli orfani

 

699) Matrimonii e viscuvati
di lu celu su' calati

Nozze e magistrato dal cielo
destinato

 

700) Faciti mazzi picciuli,
ca la citati granni


Fate piccole porzioni se volete
che basti

 

401) Mbriachi e picciriddi Diu l'aiuta

Sono fortunati

 

702) Essiri comu don Cola Mecciu
chi ogni cosa cci fa 'mppcciu

Essere timoroso, apprensivo

 

703) Lu medicu piatusu,
fa la chiaja virmusa

Eccedere in compassione
arreca danno

 

704) Medicu vecchiu e varveri picciottu

Medico con esperienza e
barbiere giovane con mano ferma

 

705) Mentri lu medicu studia
lu malatu sinni va

Nelle cose urgenti non bisogna
dormirci su

 

706) N pi ogni mali iri a lu medicu,
n pi ogni liti all'avvucatu,
n pi ogni siti a la funtana

Non bisogna sempre ricorrere ad
una cosa

 

707) Viju lu megghiu e m'attaccu a lu peju

Esprime la cecit di qualcuno

 

708) Aviri lu meli 'mmucca
e lu diavulu a lu cori

Dire buone parole e tristi fatti

 

709) Nun si mancia lu meli senzi muschi

Non si pu avere bene senza fastidi


710) Lu meli si fa liccari
e lu feli si fa sputari

Ovvio

 

711) A cu' havi la frevi o guastu lu balataru,
lu meli sapi amaru!

Allo svogliato il miele pare amaro

 

712) Semu tutti di 'na ventri,
ma no tutti di 'na menti

Avviso ai cosiddetti nobili

 

713) Zoccu nun s'ha fattu tra mercuri e jovidi,
nun si fa tra venniri e sabbatu

Ci che non si fa per tempo
non si fa poi

 

714) La migghiuranza di la morti

Le ultime speranze di guarigione

 

715) La milizzia ha strittu amicizia
cu la malizzia

La malizia dentro la milizia

 

716) N ciuscia, n mina,
ma si mina, mina pi iddu

Ognuno fa per se

 

717) A menza minna

Bambini dati a balia

 

718) Supra pastu minnulicchi

Ogni male vuole la giunta


719) La minzogna havi curtu pedi
e la veritati appressu veni

Presto si scopre

 

720) A lu minzugnaru nun mancanu scusi

Ne inventa quanto bisogna

 

721) Fari lu miraculu di Maumettu

Quando si va a trovare chi era
chiamato invano

 

722) Mircanti di vinu, poviru e mischinu

Mercante di vino povero e meschino

 

723) Mircanti fallutu menzu arriccutu

Spesso falliscono dolosamente

 

724) Cu' fa la mercanzia chi nun canusci,
li so' dinari addiventanu muschi

Conoscere ci che si fa

 

725) Lu bonu mircatu caccia li dinari di la
vurza e lu bonu parrari leva lu cori
di lu pettu

La buona derrata cava l'occhio
al villano

 

726) Essiri lu misereri a cavaddu
a lu deprofunnis

Essere poverissimo

 

727) Senza dinari nun si canta missa

Senza soldi, nulla

 

728) Trasiri lu mmistinu mmenzu la tunnara

Fare da guastafeste

 

729) N tonaca fa monacu,
n cricchia fa parrinu

L'apparenza inganna

 

730) Lu primu solu di l'infernu chinu di
succanni di monachi e cricchi di parrini

Secondo questo proverbio la maggio-
ranza di monaci e preti sarebbero
poco di buono

 

731) Di medici e di judici t'arrassa e quannu
monaci 'ncontri a largu passa

Stacci lontano

 

732) Si lu munnu fussi fattu di sasizza
lu monacu 'nnavissi sempri dui caddozza

Tanto sono avidi

 

733) A la morti sula nun cc' rimediu

Alle altre cose s

 

734) Morti addisiata nun veni mai
la morti v unni nun vuluta
e fui un' disiata

Chi desidera la morte non viene mai

 

735) A la morti e a lu pagamentu,
tarda quantu pi

Indugia quanto puoi

 

736) A la morti si spinna lu piccini

Il testamento dopo la morte

 

737) La morti conza e guasta

Chi eredita e chi perde

 

738) Cu' si rallegra di la morti d'autru
la sua vicina

Chi si rallegra del male altrui
ha il male vicino

 

39) Morti nun veni mai senza scaciuni

Non si muore senza causa

 

740) Aviri lu tortu e lu mortu

Patire due volte

 

41) Lu mortu in cimiteru
e la monaca in monasteru

Ognuno al suo posto

 

742) Quattru omini cci vonnu a livari
un mortu di casa, pensa pi un vivu

Indica la difficolt a cacciare
da un luogo chi non vuole
andarsene

 

743) Di lu mortu si nn'avi 'na vota
di lu vivu sempri


Contro coloro che desiderano la
morte di alcuno, per ereditare

 

744) Omu mortu nun p fari guerra

Morto non parla pi

 

745) Mpajrisi unu pi davanti

Sgridarlo fortemente

 

746) Cci nni veni lu s 'mparu

Ci torna il suo utile

 

747) Sediri comu la zita in macadaru

Stare in pompa magna (arabo chadar)

 

748) Cu' nun havi mogghi, nun sapi chi s dogghi

Per denotare le angustie che
reca la moglie

 

749) Cu' nun havi mugghieri prestu la vesti,
Cu' nun havi figghi prestu li vesti

Contro coloro che dicono: se io
avessi, farei..

 

750) Cu' havi mugghieri bedda sempri canta,
Cu' havi picca dinari sempri cunta

Chi ha bella moglie allegro
Chi ha pochi denari sempre li conta

 

751) Cu' havi mala mugghieri allatu
campa sempri dispiratu

Chiaro

 

752) Varva, mugghieri e dinari
fannu la felicit di l'omu

Mah...

 

753) Robba, mugghieri e dinari
tutti di 'na manu hannu a passari

Il marito padrone di tutto

 

754) Sciarri e mugghieri cu' nni voli nn'avi

Moglie e guai non mancano mai

 

755) Cu' perdi la mugghieri pi giustizia
nun si chiama curnutu

Per forza superiore

 

756) Dogghia di mugghieri morta
dura fina a la porta

Dolore di moglie morta
dura fino alla porta

 

757) Tirari l'acqua a lu so mulinu

Tirare al proprio interesse

 

758) Cu' jungi primu a lu mulinu, macina

Chi primo preferito

 

759) Jri a cavaddu di la mula di li cappuccini

A piedi

 

760) N mulu senza vizziu,
n ciumara senza voti,
n fimmini senza rivoti

N muli senza vizi
n fiumare senza serpeggiamenti,
n donne senza astuzie

 

761) Persi li muli e cerca li capistri

Di chi perde l'importante e cerca
il superfluo

 

762) N mulu, n mulinu, n signuri pi vicinu,
N cumpari cuntadinu

Cose noiose

 

763) Bisogna munciri la pecura
senza frila gridari

Bisogna saper fare le cose

 

764) Accuss lu munnu! Cu' acchiana
e cu' va a funnu

L'instabilit della fortuna

 

765) Lu munnu assai prometti e nenti duna

A chi troppo s'illude

 

766) Di la muntagna scegli la marina,
di la marina pigghia la muntagna

Delle terre in montagna scegli le
pi basse, le pi alte in marina

 

767) Poi di la muntta veni lu pinninu

Dopo il cattivo viene il buono

 

768) Munti cu munti nun si juncinu mai

I monti non si muovono ma gli
uomini s'incontrano

 

769) Figghiau lu munti e fici un surci

Dopo grandi attese, nulla

 

770) Comu si campa, si mori

Chi ben vive, ben muore

 

771) Si lu picciottu p muriri,
lu vecchiu nun p campari

Il vecchio in maggior certezza
di avvicinarsi alla morte

 

772) Stari a tavula e nun manciari,
stari a lettu e nun durmiri,
sirviri e nun gradiri,
aspittari e nun viniri,
sunnu peni di muriri

Echiaro

 

773) Accuss mori l'affamatu,
comu mori cu' ha manciatu

La morte pareggia tutti

 

774) Pistari l'acqua 'nta lu murtaru

Che succede?

 

775) Pigliari muru muru

Rasente al muro

 

776) Dari 'na timpulata chi lu muru
nni duna n'autra

Dare un ceffone in modo che il
muro ne renda un altro

 

777) Nun essiri muru d'appizzare chiova

Da non farsi infinocchiare

 

778) A lu muru vasciu tutti si cci appojanu

E' facile contro i deboli

 

779) A S.Vitu passa la musca a lu voi
e va a lu pudditru

Per S.Vito passa l'assillo al bue
e va al puledro

 

780) Tanti muschi siddanu un cavaddu

Tante piccole cose fanno una cosa
grande

 

781) Cancia la musica, ma n lu mastru
di cappella

Quando una cosa pare che cambi ma
rimane quasi la stessa

 

82) Mussu di purceddu, oricchi di mircanti,
e spaddi d'asineddu

Son le cose pi buone nel loro genere


783) Mussu untatu e la panza vacanti

Apparenza senza sostanza

 

784) Lassa purtari lu mustazzu a lu gattu

Lascia fare le cose a chi le sa fare


785) Cu' voli aviri bon mustu
zappi la viti 'nta agustu

Chi vuole avre buon mosto
zappi la vite in agosto

 

786) A S.Martinu ogni mustu vinu

A S.Martino ogni mosto vino

 

787) Lu muttu di l'anticu mai mintu

Il proverbio non falla mai

 

788) Nun si dici muttu
chi nun cci nn' parti o tuttu

C' sempre un fondo di verit

 

789) Nun muzzica la crapa pi denti chi nun ha

Nessuno fa il male che non pu fare

 

790) Nasca a l'addritta, all'aria o attrincata

Chi ha il naso in s

 

791) Cu' prima nasci, prima pasci

Chi arriva prima, ha prima

 

792) Ancora nun natu e Janni si chiama

Chi tratta di cosa che ancora non sa


793) Ogni nasu sta beni a la so facci

Ogni cosa sta bene dove si trova

 

794) Cu' latru o mulu di natura,
finu a la morti dura

Ci che di natura, fino alla
sepoltura dura

 

795) Ddu donu chi nni duna la natura,
nni lu purtamu 'ntra la sapurtura

Come il precedente

 

796) Centu nenti ammazzanu u sceccu

Molti pochi formano un assai

 

797) Nenti cu nenti fa pidocchi

Dal nulla si ha nulla

 

798) Cu lu tempu e cu la pagghia
si maturanu li nespuli

Col tempo si viene al fine

 

799) Pi S.Simuni, li nespuli a munzidduni
e l'acqua a lu vadduni

Per S. Simone tempo di nespole

 

800) Quannu viditi nespuli chianciti,
chissu l'ultimu fruttu di l'estati

E' l'ultimo frutto dell'estate