SANTA LUCIA

Ora vi cuntu chi succidža
quann'era la festa di Santa Lucia,
ni lu pažsi Muntidoru chiamatu
di la Sicilia a lu centru pusatu.

Tutti 'i carýsi sia nichi ca granni
curržanu 'ngiru e a tutti banni,
circannu la paglia pi fari 'na vampa
e rŤnniri omaggiu a ddra granni Santa.

Giravanu 'ntýnnu pi casi e paglieri
anchžvanu sacchi, cufžna e bagneri,
e li purtavanu a 'u centru d'a via
ca a vidžrla beni muntagna parža.

E quannu lu scuru calava pi sira,
ca mancu la luci lu pažsi cci avža,
allura ddra paglia facžva 'na vampa
ca iva a lu cžalu sempri cchiý anta.

E tutti i carýsi, sia nichi c'anziani,
giravanu 'ntýnnu tinžannusi i mani,
cantavanu 'nsžami anchžannu la via
prigannu la santa di nnÚmu Lucia.

Pi tutta la notti duravanu i' canti
finu c'a paglia lanciava li vampi,
pýa lu silenziu calava 'nta via
finuta la festa pi santa Lucia.

Si dici ca i santi ti fannu li grazii
basta ca tu, li ddumanni e ringrazzi:
ma la grazia nun fici a la puvirŤddra
ca a tridici anni jucava aí mmarrŤddra.

Jucava ddr'armýzza davanti a li porti
'na manu fitenti cci detti la morti:
e fu granni straziu pi tutta la genti
chiancžaru la fini di l'arma 'nnuccenti.

E quannu cci pžansu mi veni tristizza
ricýardu a so' faccia cu' gran tiniržzza.
Pi cu nun lu sapi si chiamava Lucia
e allegra pi' 'a via jucava e currža.

 

 

    

      SANTA LUCIA

Or vi racconto quel che succedeva
per  Santa Lucia che onori aveva
in quel paese Montedoro chiamato
della Sicilia nel centro posato.

Tutti i bambini, di gioia animati,
correndo in giro per le contrade
cercavano paglia per fare un falÚ
per ricordare che gli occhi donÚ.

Girando intorno per tutti i quartieri
empivano sacchi, secchi e panieri,
e li portavano in mezzo alla via
che una montagna a tutti appariva.

E quando il buio calava, giŗ sera,
che manco la luce in paese cíera,
allora la paglia faceva una vampa
che andava in cielo sempre piý tanta.

E tutti i bimbi, piccoli e anziani,
girando intorno tenendo le mani,
cantavano in coro empiendo la via
pregando la santa di nome Lucia.

Per tutta la notte duravan le danze,
finchť la paglia lanciava vampe,
poi il silenzio calava per via
e finiva la festa per santa Lucia.

Si dice che i santi ti fanno la grazia
basta che tu la domandi e ringrazi;
ma la grazia non fece alla poverella
che a tredici anni ancor gioca e saltella.

Giocava meschina davanti le porte
ma una mano fetente le diede la morte:
e fu grande strazio per tutta la gente
piangendo la fine di quellíinnocente.

Ora un cipresso a te dona conforto,
un freddo marmo cela il gran torto;
una mano amica ti porta un bel fiore
segno che rende a te amore e onore.

E quando ci penso mi viene tristezza,
il viso ricordo con gran tenerezza.
Per chi non lo sa si chiamava Lucia
e allegra giocava e correva per via.