FEDERICO MESSANA       poesie, racconti ed altro......     
HOME Poesie/ital  Poesie/sicil   Poesie/latino  Racconti lunghi  Racconti brevi Pinocchio   La biddina Link amici  Storie di GiufÓ Fratelli Messana  
  1^pag.   Lucciola     Federico II di Svevia   Ospiti     Fotografie   Proverbi   Montedoro   Milano   Vocabolario   Sicilia   Album Sara  I Lamentatori

 

PICCOLO VOCABOLARIO SICILIANO
             
(vecchie parole ormai fuori uso comune

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V  W X Y   Z

SICILIANO

ITALIANO

ETIMOLOGIA

A

A


AbbonŔ meno male, meglio di niente  
Acchianari salire  
Accravaccari cavalcare, salire sopra  
Accucchiari raccogliere, mettere insieme (i soldi)  
Accura  attento!  
AdÓ! esclamazione per: dai, avanti  
Addimannari chiedere l'elemosina  
Addimurari, addimuru ritardare, ritardo (dare l'addimuru ai bambini, trattenerli)  
Dddrauru alloro  
A ddrý ddrý nell'aldilÓ  
Addruari dare o prendere qualcosa in affitto  
Addumannari domandare, chiedere  
Addumari accendere (il fuoco, la luce)  
Adenzia servire qualcuno, dargli retta    Dari adenzia  
Affruntari vergognarsi  
Agghicari arrivare, andare, giungere, avvicinare  
Aggrampari afferrare  
Aggruppari fare il nodo,  (gruppu=nodo)  
AllÓbicu immediatamente (illico et immediate)  
Allammicu forte desiderio  
Allappari, allappusu l'effetto di una cosa acerba in bocca (cutugnu allappusu)  
Allazzari, allazzata Allacciare  
Allupatu che a fame da lupo, pieno di desiderio
un campo infestato d'erbaccia, (s'allupÓ la maýsa = Ŕ finita!)

Alluppiari Alloppiare, addormentare, dare da bere una bevanda con l'oppio  
Ammartucutu abbattuto, triste, afflitto   
AmmÓtula inutilmente  
Ammiscari mischiare  
Ammucciari nascondere (iucari a li mucciareddi= a nascondino)  
Ammulari affilare, rendere tagliente (la lama di un coltello)  
Ammuttari spingere  
AnnacÓrisi dondolarsi (annÓcati tutta, quantu ti výu la vesta di sutta)  
Annintra addentro, in fondo  
Ansa occasione, pretesto, appiglio
Dari ansa ad unu = dare baldanza; pigliari ansa = pigliare baldanza
I latini (Cicerone) dicevano: ansam praebere, arripere 
 
Ansari conservare, porre da parte  
Antu alto, in alto (antu antu = con la testa tra le nuvole)  
Antura, anturazza poco fa, pocanzi  
A papacina   in piccole briciole (ridurri a papacina)    
Appagnarisi spaventarsi (in genere il cavallo o il mulo s'appagna)  
Appizzari appendere (qualcosa al chiodo)
rovinare (s'appizzÓ)
 
Appuntiddari chiudere, mettere il puntello (la porta)  
Arrafatatu raffreddato, rauco  
Arrampari sparire, partire per una meta lontana  
ArricriÓrisi saziarsi con gusto, divertirsi  
Arrimýnati muoviti, cammina  
ArriminÓti mossi, girati (pasta nella pentola, insalata)  
Arrimunnari potare  
Arripuddutu raggrinzito, con la pelle secca  
Arrivulari volare lontano, (lanciato o scappato di mano)  
Arrizzittari sistemare, mettere ordine, sistemare  
Arrizzulatu  distrutto, caduto (casa arrizzulata)  
Arrunchiari raccogliere, ammonticchiare  
Ashiari trovare  
Assaccari agitarsi violentemente, ansimare (in punto di morte)  
Assantumari svenire, rimbambire (mi pari assantumatu)  
Assicutari inseguire  
Assuppatu bagnato fradicio dalla testa ai piedi  
Astracu piccolo terrazzo al piano rialzato con scala esterna  
Astrattu estratto di pomodoro asciugato al sole  
Astutari spegnere (il fuoco, la luce)
astutari unu = ucciderlo
 
Attagnari bloccare la fuoruscita del sangue (attagnari 'na ferita)  
Attassari avvelenare col tasso (attassari la naca cu lu camarruni)  
Attuppari
Attuppatu
bloccare, chiudere, 
chiuso, (occlusione dell'intestino)
 
Azzizzari aggiustare, sistemare  
     
     
B
B
Babbaluci lumaca
Babbluci a sucari e fimmini a vasari nun ponnu mai stancari
 
Babbiari
Babbu
Babbignu
prendere in giro, scherzare
E chi voli babbiari, vossia?
stupido
 
Baccaredda recipiente di terracotta  
Baccariari sguazzare, muoversi di quÓ e di lÓ, parlare con foga  
Badda palla, corpo rotondo
Nun putiricci nŔ pruvuli nŔ baddi
 
Badduzza pillola, piccola badda   
Bagascia puttana  
Banna banda, banda musicale
luogo, posto    Antra banna= un'altra parte
 
Bannu bando (Jittari lu bannu cu lu tammurinu)  
Bastunaca, Vastunaca radice simile alla carota (daucus carota sylvestris)  
Beccu montone 
cornuto
 
Biddina mitico animale acquatico  
Birfuca gonfiore, piccola ferita (della scarpa sul tallone)  
Bisitu visita per un lutto (durava minimo tre giorni)  
Brascera braciere di rame  
Brivatura abbeveratoio (per le bestie)  
Buggiacca tascapane da portare a tracolla (per la caccia)  
Bummulu
   Lancedda
   Quartara
   Muzzuni
piccolo recipiente di terracotta
medio      "                  "
grande     "                  "
grande     "                  "                  con bocca larga
 
Bunaca giacca  
Burduni guscio secco (di mandorla), dicesi di persona tonda, stupida  
Burgisi colui che tiene terreni in affitto  
Burgiu montagnetta di paglia, accumulo  
Burnia vasetto, recipiente di vetro o di terracotta  
Bussica vescica, (del maiale; si gonfiava per simulare un pallone)
pÓpula Ŕ invece la vescica al piede od alla mano
 
     
     
C
C
Cacaredda diarrea  
Cacazzina cispa agli occhi (¨acchi cacati)  
Cacazzu spavento, pigliarisi un cacazzu (scantu)  
Cac¨acciula carciofo  
Caddu callo (al piede)  
Cadd¨azzu pezzo di qualcosa non m olto grande
Un cadd¨azzu di sansizza, un pezzo di salsiccia
 
Cafuddari menare, dare con violenza (un pugno)  
Cajorda sporca, sordida, puttanella  
Calanniruni svogliato, alto, stupidino   
Callararu riparatore di stoviglie di rame, nullafacente  
Calliari scaldare, prendere a botte  
Calliarisýlla prendersela comodamente, non eseguire, assentarsi  
Callu, Caudu caldo  
Camarruni erba velenosa (attassari la naca cu lu camarruni)  
Camuliari
CÓmula, Camuliusu
annoiare, scocciare
insistente e ripetitivo
 
Camurrusu noioso, petulante, rompiscatole  
Canali tegola  
CÓncaru ganghero, cardini
due piccoli anelli in ferro per congiungere porte e coperchi
Aviri li cancari = essere in collera 
Lassatimi stari pi li cancari mýa! = lasciatemi in pace
 
Caniglia crusca (del grano)  
Cannar¨azzu
Cannaruzzuni
esofago, gola
stupidone
 
Cannata vaso di terracotta o di zinco per l'acqua (baccaredda)  
Cannedda piccolo pezzo di canna
cannello per attingere il vino dalla botte
la cannedda di li gammi, le ossa delle gambe, stinco
Jirisýnni 'n cannedda = avere la diarrea
 
Cannola, Cann¨alu fontanella per attingere l'acqua  
Cantaranu com˛ con quattro o cinque cassetti  
CÓntaru vaso da notte, orinale  
CantÓru quintale (peso)  
Canzetti, Cuasetti calze  
Canzi, Causi calzoni, pantaloni  
Canziarisi avanzare guardingo, evitare con cura  (larvatus prodire)  
Capizzuni capestro per il mulo o il cavallo  
Capuliatu carne trita per polpette  
Caravigliaru esoso, che vende a caro prezzo  
Carcara fornace (per fare il gesso)  
Carcarazzu gazza  
Carcariari parlare goffamente, tartagliare, 
gorgogliare (il forte bollire della pentola)
 
Carcaruni calcheroni per fondere lo zolfo  
Carduni cardo
stupido, sciocco
 
Cartedda cesto di canna o vimini  
Carusýaddu ragazzo, piccolino
salvadanaio di terracotta
 
Cascia, Casciuni cassetto di legno (di un armadio, com˛)
cassa da morto (tabbutu)
Jiri comu la cascia di Narduzza =  cosa non ferma, persona che barcolla
 
Castýaddu fuochi d'artificio, castello  
Catacogliri raccogliere, recuperare lontano (riacciuffare qualcuno)  
Catafasciu alla rinfusa, disordinatamente
Iri a catafasciu = Andare in rovina, cadere malamente
 
Catammari catammari lentamente, con grande calma, con flemma  
Catu secchio (essiri lu catu e la senia = sempre insieme)  
Cat¨aiu vano sotterraneo  
Cavatu, 
cavatuni
un tipo di pasta, cavatuni di meli
stupido
 
Cazzalore pentola, stoviglia  
CchiossÓ di pi¨ ancora  
Chiarchiaru zona desolata piena di sassi, (con tane di animali selvatici)
lu cuccu cci dissi a li cucc¨atti, a lu chiarchiaru ni vidýammu tutti
 
Chicchiari essere balbuziente  
China piena, riempita
la piena di un fiume (CÓlati juncu ca passa la china)
 
Chiummu piombo  
Chiuritu prurito  
Ciampa, Ciampati il palmo della mano, manate  
Cianciana, ciancianeddi campanelle pendule (si attaccavano p.es. al furetto)  
Ciacca, Ciaccari spacco, fenditura, apertura. Detto di terra = fare solchi
Ciacca cu' muddura, dubbula cu' calura, sýmina quannu Ŕ ura
Dissoda coll'umido, riara col caldo, semina quando Ŕ ora
 
CicaliÓrisi essere pensieroso, preoccuparsi  
Ciccanninu tipico suono della campana (a mezzogiorno e mezzanotte)  
Cýciri ceci  
Ciuciuliari gozzovigliare, perdere tempo, grattarsela  
Coccia foruncoli (Aviri li coccia ni la facci)  
Coffa, Cuffuni recipiente di stoffa o di raffia, borsa  
Corbezzolo Il frutto (corbezzola) Ŕ una bacca acidula, con doti digestive e rinfrescanti. Si consuma fresca spolverata di zucchero.
Si ottiene un miele amaro e prezioso.
Arbutus unedo
Criatu, Criata creato, piccola creatura, serva  
Criscenti lievito, impasto di pane lievitato  
Crita creta  
Crivu setaccio (fino, medio, grosso)  
Crozza capo, testa, ometto (per appendere la biancheria)  
Cr¨accu uncino, molletta (per stendere la biancheria)  
Cruvacchiu corvo  
C¨ansulu cons˛lo, pasto per i parente del morto  
C¨appu recipiente a forma di cono (di carta, di metallo)  
C¨appula coppola (anche in senso metaforico)  
C¨azzu parte posteriore del capo, dorso, sommitÓ  
CubbÓita
  "  "
torrone di mandarla 
(prov: scrusciu assa' e cubbÓita nenti = tanto rumore per nulla)
 
Cucucciu colmo oltre misura, sovrappi¨  
Cuculiari rotolare, scivolare lentamente  
Cuculiarisýlla prendersela comodamente  
Cucuzza, Cucuzzedda
 "   "
 "   "
zucca, zucchina, testa, capo 
(testa ca nun parla si chiama cucuzza)
(c˛nzala comu v¨a, sempri Ŕ cucuzza)
 
Cuddana fune, cavezza per muli e cavalli  
Cuddura cerchio, ruota, cose disposte in circolo, fune attorcigliata, ciambella
NŔ a Santi la curuna, nŔ a picciriddi la cuddura,
Non fare promesse nŔ ai santi nŔ ai bambini (Non dimenticano!)
 
Cudduredda
Cudduruni
pasta schiacciata messa a cuocere, (resta cruda e dura)
(ognunu tira la bracia a lu so' cudduruni= al proprio interesse)
 
Cufilaru cucina a legna  
Cufinu recipiente cilindrico di vimini o di canna (pi¨ grande di panaru)  
Cu fu? chi Ŕ stato?  
Cugliuniari equivale a babbiari, prendere in giro, burlare  
Cugnu zona impervia e desolata, 
cuneo di legno o ferro
 
Culiarisýlla prendersela comoda  
Cummattiri occuparsi di una cosa  
Cummigliari coprire  
Cunn¨ciri condurre, portare in giro, prendere per il naso  
Cunzari condire  
Cuppinu mestolo  
Curdaru fabbricatore di corde
Jiri 'nnarrýari comu lu curdaru = non progredire, di male in peggio
 
Curriola carriola di legno
un tipo d'erba peri i conigli
 
Currivu dispiaciuto, indispettito, corrucciato, restarci male  
Custura cucitura (per stoffa), porte sopraelevata di una collina  
Cuti ciottolo di fiume  
Cuttuni di mattula cotone non filato, cotone idrofilo  
Cuttunina coperta molto pesante  
Cutugnu albero cotogno, il frutto Ŕ la mela cotogna, a forma tondeggiante, colore giallognolo, gusto aspro e allappante (allappusu).
Metaforicamente indica amarezza e afflizione.
Dari o agghi¨ttiri cutugna (digerire offese)
Li cutugna di li ziti (amarezze e discordie tra fidanzati o sposi)
 
Cutuliari muoversi appena (di un dente)  
     
     
D
D
Dammusu stanza (di gesso) a pianterreno  
DdÓ, DdrÓ lÓ, in quel posto  
Ddisa pianta di collina, ampelodesmo; 
il gambo serve per fare legamenti (ligami)
t˛rcirisi comu 'na ligama (contorcersi per il dolore)
greco:  desis (legare)
     
     
E
E
Erba di výantu erba parietaria  
     
     
F
F
Facciparýa per salvare la faccia  
Faýdda favilla, scintilla  
Falla

Fallata
Ŕ il grembiule legato alla cintola e tunuto per le due punte estreme in modo tale da fare da contenitore
una falla piena, una grembiulata
 
Fallaru grembiule  
Falletta gonna, veste dalla cintola in gi¨  
Famýa fa molto caldo, (fiammeggia)  
famiari riscaldare il forno con legna  
Fedda fetta (di pane)  
Fiddari tagliare a fette  
Fileccia fionda (formata da un legno a "V" e due elasatici)  
Firrara
Firrari
fabbri, 
mettere i ferri al mulo
 
Firriari girare, andare in giro  
Firricchiocchiaru girandola nei fuochi d'artificio  
Firriolu orzaiolo  
FissiÓrisi ostentare bravura, vantarsi, apparire, darsi arie, pavoneggiarsi  
Fitari fare l'uovo  
Finnutu, funnutu profondo  
Firriolu sorta di mantello  
Foddi pazzo, matto  
Frevi febbre  
Frýattu furetto  
Friscalýattu fischietto, zufolo  
Friscanzana frescura, soffio di vento freddo  
Froshia, Froscia frittata  
Fudda folla  
Fuddia follia, pazzia  
Fuitýna fuga (fari 'na futýna, con la propria donna)  
Fumal¨aru fumaiolo, camino   
Funcia muso, (funciari=mettere bocca dappertutto), funciazza  
Funci funghi (cu' mori pi li funci, nun c'Ŕ nuddu ca lu chianci)  
Funnutu profondo, un pirtusu funnutu  
Furcuni forcone per girare la paglia  
F¨ttiri fottere, fregare qualcuno o fregarsi qualcosa  
     
     

G

G
Gaffa, Gaffuni ferro a forma quadra o curva che sostiene qualcosa, spranga di ferro che serve a tenere collegate due pietre  
Gangalarruni
  Marranzanu
  Mariualu
scacciapensieri
       "
       "
 
Gargia, gargiata guancia, schiaffo  
Garrusýa essere bardassa, darsi un sacco di arie, (vedi fissiÓrisi)   
Garrusu persona in atto di sodomia, pervertito, gay   
Gattuni mensola che si pone a sostegno delle travi del balcone  
Gazzana piccolo slargo, ripostiglio  
Giabbia, gebbia vasca molto grande per la raccolta delle acque  
Giarmalidda piccolo pezzo di creta cotta  
Giarnu, Giarniari giallo, pallido, diventare pallido  
Giarra, giarruni grande recipiente di terracotta (per l'olio, le olive, etc.)  
Giurgiulena sesamo (seme per condire il pane)  
Gli˛mmaru gomitolo  
Gnura signora  
Gnutticari piegare, (es: panni, lenzuola)
In senso figurato vale convincere qualcuno, persuadere, costringere
 
Gracciari graffiare  
Granatu Melograno,  ricco di semi globosi color rosso granata, il succo Ŕ rinfrescante, dissetante e diuretico
Essiri comu li granati, beddi di fora e dintra su' guastati
Punica granatum
Grancu crampo  
Gregna fascio di spighe (timugna di gregni)  
Grigna criniera (del mulo o del cavallo)  
Gruppu nodo  
Guaddara, Guaddarutu ernia, che ha l'ernia  
Guastedda pagnotta fritta con s¨ il miele  
Guýsina serpentello d'acqua  
Guttera stillicidio d'acqua, fessura da dove entra l'acqua  
Guttiari gocciolare Lat: guttare
Guzziari fischiare (di una bacchetta, un nerbo)  
     
     
H
H
Han? E' vero? Come?  
     
     
I
I
Iddu egli, lui (iddu fu!)
'Ntra iddi comu li zorbi = quando alcuni se la intendono solo tra loro
 
Iazzu giaciglio  
Jimmu, Jimmirutu gobba, con la gobba  
Impasturavacchi lunga serpe che si attorciglia ai piedi della vacca  
Inchiri riempire  
Issottu pezzo di gesso  
I¨nciri unire, raggiungere  
Iunta una quantitÓ presa con le mani a conca
'Na iunta di farina
 
     
J
J
Jittena sedile di pietra o di gesso  
Jimmu gobba (ognunu si taliassi lu so' jimmu!)  
Jimmirutu con la gobba  
JumpÓrisi lanciarsi contro, avventarsi  
Juncu giunco (cÓlati juncu ca passa la china=cedere a forza maggiore)  
Junta aggiunta, palmo (Ŕ junta ca cci misi lu vucceri)  
Jusu gi¨, abbasso  
     
     
K
K
     
     
L
L
Lapa ape  
Ladiu brutto  
Lasca lenta, allentata (corda lasca, la botte lasca perde il vino)  
Lazzata piccola corda o grosso spago che si attorciglia intorno alla trottola   
Lazz¨alu filo a forma di cappio
lo usavano i cacciatori per prendere i conigli
 
Lemmu recipiente in terracotta di forma circolare  
Lýabbru lepre  
Lýaggiu leggero, (testa leggia)  
Lýaggiu leggo, (da leggere)  
Ligama, Liama legamento fatto col gambo di "ddisa"   (vedi ddisa)
t˛rcirisi comu 'na ligama (contorcersi per il dolore)
 
Lýmmitu limite, confine
In campagna, un filare di pietre per indicare il confine di proprietÓ
 
Lippu muschio  
Lisca lisca, spina, resta nulla, niente (mancu 'na lisca di pisci)  
Liscýa acqua e cenere, ranno, (jiri a liscýa=fare il bucato)  
Llofriu stupido, brutto, svogliato  
Lorgiu orologio   
Ludiu sporco  
Luppina il lupino, pianta con radice legnosa e stelo e foglie pelose, con seme rotondo, il lupino
Nun valiri un luppinu = non valere nulla
Nun jucammu a luppina = non si fa per scherzo
Jucammu cu du' favi e 'na luppina = tenere il piede in due staffe  
 
Luppinu terreno incolto pieno d'erbaccia, di luppina  
     
M
M

Magaru indovino, che fa il mago  
Maýdda cassa di legno per lavorare la farina  
Maýsa maggese, terra incolta, a riposo  
Maniati resti, tracce; per esempio di conigli per i cacciatori  
MammarÓ mamma grande, nonna  
Mammatessa libellula infilzata per culo da un  gambo di spiga  
Margunata paglia che il vento ammonticchia ai lati dell'aia, a forma di semicerchio, dopo avere liberato il frumento  
Maria la cani contrada in cui sorge il cimitero  
Marranzanu scacciapensieri  
MÓscara maschera, faccia  
Mascaratu monello, cattivello  
Mascariatu annerito, sporco  
Mascidda guancia, mascella  
Masciddata mascellata, ricevere un colpo sulla guancia,
Riciviri 'na masciddata = ricevere un'offesa
 
Masticogna un tipo d'erba medica  
Masticuni boccone, masticuni di pani  
MÓttula vedi cuttuni di mattula, 
orinale

latino: matula (orinale)
MÓzzara contrappeso (grossa pietra) di un orologio meccanico  
Mazzola bacchette (per suonare un tamburo)  
Mazzuliari picchiare qualcuno o su qualcosa  
Mazzumaurýaddu tromba d'aria (risucchio), occhio del ciclone  
Merca obiettivo, pietra per segnale, bersaglio  
Mercu segno, marchio, taglio fatto sulla pelle, segno lasciato da percossa  
MŔusa milza (pane con la mŔusa, a Palermo)  
Mýaccu, Meccu, Mecciu lo stoppino di una lucerna, panno per accendere il fuoco
Il colare del naso (Pulizzýati ssu meccu!)
Essiri comu don Cola mecciu chi ogni cosa cci fa 'mpacciu = noioso
SŔntiri lu fetu di lu mecciu = presentire prevedere una cosa
 
MidŔ, midemma pure, parimenti, anche  
Mýannula,  mandorla   
Minnulicchia mandorla ancora tenera  
Minchiata fesseria (fare una minchiata)  
Minna seno
spesso si usa a posto di "minchia" (meno volgare)
 
Minnaredda! esclamazione di stupore o di contrappunto (come misca)  
Minnuta dal grosso seno  
Mýntina melma (nauseabonda per l'odore di zolfo)  
Misca! espressione di stupore  
'Mmarredda gomitolo, giuoco per bambini  
'Mmicciari allacciare, collegare (un tubo)  
'Mmirriari avvitare  
'Mmirriusu complicato, estroverso  
'Mmistinu manesco, dal fare poco pratico  
'Mmizzigliatu smorfioso, coccolato  
'Mmurdutu conciato, coperto in malo modo  
M˛ccaru il muco nasale Spagnolo =  Mocarro
'Mpajari mettere il giogo ai buoi, mettere uno sotto qualcosa, sgridare
si lu 'mpaiÓ 'nnavanti= lo riempý di contumelie
 
'Mpigna faccia, maschera  
'Mpisu appeso, impiccato
"a la casa di lu 'mpisu nun si po' appenniri l'agghialoru", come dire:
non rammentare certe cose che suscitano irritabilitÓ in certuni
 
'Mpurriri imputridire  
Mu! dammi, donami  
M¨aviti fermati (al contrario dell'italiano muoversi, camminare)  
Mudd¨ra acquazzina, brina, rugiada  
M¨dina residuo dell'olio, fondo, feccia  
Munnari mondare, pulire, sbucciare (l'arancia, la pera, etc)  
MurmuriÓrisi lamentarsi, borbottare  
Muscaredda specie di ficodindia bianca  
Mussu muso, (mussu untatu e la panza vacanti)  
Mustazzu baffi (lassa purtari lu mustazzu a lu gattu, cioŔ a chi lo sa fare!)  
MutÓrisi cambiarsi d'abito  
     
N
N
Naca amaca, fosso colmo d'acqua (naca di jumi)  
'NcagnÓrisi offendersi, imbronciarsi
Cu' si 'ncagna senza raggiuni, fa la paci senza soddisfazioni
 
'Nchiappari sporcare  
'Ncilippari mettere lo zucchero, addolcire  
'Ncitrugnutu induritu  
'NchiappÓrisi sporcarsi, macchiarsi  
'Nchiummari riempire di piombo (del fucile)  
'Nchiummusu
'Nchiuppulutu
un po' duro da masticare 
non lievitato
 
'Ncignatu iniziato, collaudato, mettere una cosa nuova per la prima volta
S'incigna lu vistitu di la festa
 
'Ncinaglia inguine   
'Ncirata telone cerato  
'Nciuria ingiuria, soprannome, offesa  
'Ncucchiari accoppiare, unire in coppia  
'Ncudduriari attorcigliare, cosa che assomiglia a cuddiruni (vedi)  
'Ncugnari avvicinarsi ad un luogo
afferrare: il furetto 'ncugna il coniglio nella tana
 
NŔsciri uscire, tirar fuori  
'Ngaggiu ingaggio, fidanzamento  
'Ngrasciatu sporco, lercio  
'Ngresta acerbo, non maturo  
Nýaspula, NŔspula nespolo, il frutto Ŕ simile all'albicocca, con polpa bianco-rosata, sapore acidulo e astringente, diuretico e antidiarroico
Cu lu tempu e cu la pagghia si maturanu li nespuli
Quannu viditi nespuli chianciti: chissu Ŕ l'urtimu fruttu di l'estati
Nespilus germanica
'Ngaggiu fidanzamento  
'Ngrasciatu sporco, pieno di grasso  
NichiÓrisi offendersi, rattristarsi, mettere il muso  
Nicu, nicarýaddu piccolo, piccolino  
Nonsi signor no!  
'Nsipa appena, appena  
'Nsirtari indovinare  
'NtilurÓrisi spaventarsi, prendere terrore  
'Ntrubbuliari intorbidire  
'Ntuppari capitare, incontrare per caso (mi 'ntuppÓ 'n'occasioni ...)  
'Nzajari provare (per es. un vestito) Sp. Ensayar
'Nzainatu manto di bestia color di saggina, saginato
Nun mi ni curu ca l'accattu caru, ca Ŕ 'nzainatu a capizzu di moru
Si dice di chi fa un sacrificio pur d'ottenere una cosa voluta
 
'Nzinzula giuggiola, "andare in brodo di giuggiole", andare in estasi
Il brodo di giuggiole era una squisita bevanda a base di giuggiole, uva e mele cotogne, cotte insieme alla scorza di limone
 
'Nzolia uva dolce 
(a primu zuccu, 'nzolia! = riuscire al primo tentativo, fortunato)
 
Nuddu nessuno  
Nuvidduni nuovo, giovane, novizio (venatorio: furetto nuvidduni)  
     
     
O
O
Oduri odore, piacevole o sgradevole sensazione (oduri e puzza)  
Ogghiu, ¨agliu olio, succo d'oliva
Ancora cc'Ŕ ogghiu a la lampa = vi sono ancora mezzi
Nun sempri dura l'ogghiu a la cannila = non sempre va bene
 
Onuri onore, dignitÓ
L'onuri ca si perdi intra un minutu, intra cent'anni nun Ŕ ricumpinzatu
 
     
P
P

Pagnu filo per disegnare un cerchio (o la volta di un forno)  
PÓmpina foglia (di ficu, di racýna)  
Panaru contenitore a forma cilindrica fatto di canne (pi¨ piccolo di cufinu)  
Paparina papavero (seme di paparina, piccolo e nero)  
Papanzicu cicala, cavalletta  
Papanzicula essere in equilibrio un po' precario  
PÓpula gonfiore con ferita (birfuca), vescica  
ParÓcculu ombrello, paracqua  
Parmýantu impianto per schiacciare l'uva e fare il vino, palmento pigmento?
Parmiggiana persiana, imposta  
Passiluni oliva appassita, fico secco, frutta appassita  
Persica pesca, frutto del pesco  
Pidduzzuni parassita delle galline  
Pidicuddu gambo, picciolo, l'attaccatura di un frutto  
Pýditu peto, aria di panza  
Pidunetta calzini  
Pignata, Pignatedda pentola, pentolina  
Pignulata dolce tipico ricoperto di miele (varia da paese a paese)  
Pipina, Pipinu madrina, padrino (di battesimo o di cresima), dicesi anche agli zii  
Pipitosciu montagnetta, mucchio  
Pipituni ¨pupa  
Pipýu tacchino  
Pirciari bucare da parte a parte, perforare
PirciÓrisi la testa = lambiccarsi il cervello, scervellarsi
 
Pircoca albicocca  
Pirmýantu gesso cotto e polverizzato per imbiancare o murare  
Pirnici pernice, uccello grosso come una colomba, coturnice
Fa comu la pirnici, ca s'ammuccia la testa e tutta pari=credersi nascosto
Canta la pirnici a lu chiarchiaru, carria ligna a lu pagghiaru
 
Pirrera miniera  
Pirriaturi minatore, che lavora in miniera  
Pirtusu
  
buco, foro (a pirtusu fattu = agevolmente) 
Pýzzichi e vasi nun fannu pirtusa
Ogni pirtusu havi lu so' chiovu, cu' l'ha vecchiu e cu' l'ha novu
(Ognuno ha i propri guai, pensieri, problemi)
 
Pisari generico per trebbiare (il grano nell'aia coi muli)
pesare (Pisa giustu e vinni caru)
Pisari cu la statýa = esaminare una cosa grossolanamente poichŔ la statýa non Ŕ esatta come una bilancia
Sp. Pisar
Pizzinu bigliettino  
Pizzola, Pizz¨alu terreno accidentato (andare pizzola pizzola)  
Posparu, fosfaru cerino  
Prena piena, incinta  
Prescia premura  
Pribenna scorta, rendita  
Prummintýu che promette bene, essere in anticipo, primizia  
Pruvulazzu polvere, terra arida e leggera che si leva per aria
Addivintari pruvulazzu = diventare polvere, morire
Pruvulazzu di jinnaru, carrica lu sularu 
(Quando a gennaio non piove si riempie il granaio)
 
Pr¨vuli polvere, polvere con cui caricare le armi da fuoco  
P¨adisa polizza  
Pudditru puledro  
Pumýattu, Pumetta bottone, bottoni  
Purretta pianta dal bulbo membranoso, fiori bianchi, porretta, porri
Le foglie, attorcigliate a mo' di tromba, emanano un certo suono
 
Purrýattu escrescenza della pelle, porro, verruca  
Purritu una cosa imputridita  
Putýa bottega, negozio  
Puttrina petto, seno  
     
     
Q
Q
Quartara recipiente per acqua fatto in terracotta (vedi bummulu)  
Quasetta calza  
Quagliari cagliare, rassodare di un liquido  
QuartiÓrisi schernirsi, difendersi, essere guardinghi  
QuaquaraquÓ uomo da nulla, miserabile  
     
     
R
R
Racina frutto della vite, uva
Aviriccýlla cu unu comu racina d'appenniri = essere adirato
Cogli appena matura la racina, cu bonu tempu, asciutta d'acquazzina 
 
Raddamatu sporco, sudicio, incrostato  
Raddu, rÓddamu lordume, sudiciume  
Rappa grappolo (d'uva)  
Rasa piccolo bastone per levare il colmo alle misure di capacitÓ (tumulo)
Passari la rasa a tutti = non avere riguardo per alcuno
 
Rascari raschiare  
RÓsula paletta, arnese in ferro per pulire la zappa
strumento in ferro tagliente per pareggiare le unghia del cavallo
solco trasversale nel campo seminato per raccoglire gli scoli d'acqua
limiti di un pezzo di terreno
Passari la rasula a 'na banna = rubare ogni cosa
Passari la rasula 'nta li spaddi = bastonare uno
 
Rifardu fallace, bugiardo, traditore  
Rýiri alzare, sollevare  
Rinali orinale, vaso da notte  
Ristuccia ristoppia, parte della paglia che rimane sul campo dopo la mietitura
Lassari a ristuccia, Abbruciari la ristuccia
Ristuccia abbruciata, Ŕ mezza siminata  (tanto bene fa bruciarla)
Cavalýari di ristuccia  (scherzoso ad un contadino) 
 
Rivýarsu monello, carrivo  
Ruvýattu rovo, specie di pruno con cui si fanno le siepi Rubus idacus L.
Rumitusu che non sta mai fermo, camurriusu  
Russania rosolia, malattia dei bambini che si ricoprono di macchie rosse  
Rutuni grande rete di fune grossolana con cui si trasporta la paglia
rete che si mette sotto le corrozze per riporvi valige od altro 
 
Ruvetta rovi  
Ruvisciari vomitare  
     
S
S

Sacchetta tasca  
Sacchina piccola sacca di tela (lona) usata dai contadini a tracolla  
Sagnari salassare, cavare sangue
cavare danaro
 
Sagnaturi mattarello di legno per spianare la pasta  
Saia fosso, scavo rettilineo  
Saimi lardo di maiale, strutto  
Sangunazzu sanguinaccio, budello pieno di sangue di maiale  
Santiari bestemmiare  
Sarma salma, misura di capacitÓ (vedi t¨mminu)  
Sbalanzu precipizio, masso sopraelevato  
Sbardiddari togliere la sella dal mulo (vardedda)  
Sbarracari aprire con violenza (sbarracari la porta)  
Sbrizziari piovigginare, (stizziari)  
Scaccanu, scaccaniari forte risata, ridere a crepapelle  
Scaffalýattu listelle a forna di semisfera, scaldaletto
si metteva sotto le coperte con al centro un tancinu
 
Scagliuni il dente canino  
Scampari fine della pioggia
chioppi, scampÓ e nun si ni potti parlari cchi¨!
 
Scanaturi tavola di legno su cui viene lavorato il pane (pani scanatu)  
Scanazzatu nullafacente, lazzarone  
Scancaratu sgangherato, (fuori dai cÓncari)  
ScannaliÓrisi perdere il vizio  
ScantÓrisi, scantu spaventarsi, paura  
Scanzari evitare (Diu ni scanzi d'omu spanu e di fimmina varvuta)  
Scarda piccola striscia appuntita di legno, scheggia  
Scasciari scoppiare (scascia la scupetta, un tr¨anu)  
Scattiari andare a finire lontano, picchiare, dare botte  
Sceccu asino, somaro  
Scerba cenere (guscio di mandorla bruciato per fare sapone)  
Scuppulari levarsi la coppola, finire lontano  
Sbirticchiari tirare fuori, sgranare (gli occhi)  
Sborgiri sporgersi, venire fuori, prominente  
Schetta, schettu ancora signorina, non sposata  
Sciarra, sciarriarisi zuffa, litigare, azzuffarsi  
Sciddicari scivolare  
Scifu truogolo, dove mangia il maiale  
Scimiddiari scherzare, prendere in giro  
Scorcia buccia  
Scrasýantulu millepiedi (verme), 
famiglia: Artropodi, classe: miriapodi, ordine: diplopodi
Pachyiulus communis
Scravagliu scarafaggio  
Scricchiari sbucciare, aprire (i piselli, le fave)  
Scripintari aprire, strizzare (papula o birfuca)  
Scrucchiulari levare la buccia (mandorla)  
Scrusciu, Scr¨sciri rumore, fare rumore, tintinnare
scrusciu assa' e cubbaita nenti = tanto rumore per nulla!
 
Scugnari rompere il naso e far fuoruscire il sangue
scovare (il furetto scugna il coniglio nella tana)
 
Scuncertu vomito, disappunto, sconcerto  
Scupetta fucile da caccia  
Scuppulari finire lontano (vedi arrivulari)  
Scurciari levare la buccia, sgusciare  
Scursuni serpente, biscia  
Scutulari abbacchiare, scrollare (i frutti da una pianta)  
Scuzzulari far cadere il primo frutto ai fichidindia per ottenerne uno pi¨ tardivo (ficudinnii natalini).
dare fastidio a persona delicata che s'infastidisce subito
 
Sdari, sdÓrsi scappare, sparire, allontanarsi  
Sdillabrari allargare, slabrare (come sbirticchiari)  
Sdillaniari, Sdillaniatu annoiare, essere annoiato  
Sdirrupari cadere malamente  
Sdivacari vuotare, fare uscire fuori, versare  
Sfinci frittelle a base di farina, uova, zucchero  
Sgangu a vanvera, parlare a sgangu, piccolo grappolo d'uva  
Sgraccu sputo catarroso  
Sgriddari venire fuori, sbucare (come un grillo)  
Sgr¨appu, sgroppu piccolo ramoscello sottile  
Sinzali mediatore  
SirrÓculu sega  
Sissi signor sý! Il contrario di nonsi  
Sminchiari rovinare, picchiare  
Sminnatu rotto, rovinato (cercare di aggiustare una cosa e rovinarla)  
Socchi quello che, tutto ci˛ che  
Sopidda e chi lo sa?  
Spagliari
   
levare la paglia lanciando il grano in aria 
Si 'ntra l'aria nun stai mentri si spaglia, sarai prestu riduttu a pani ed agghia
 
Spajari sciogliere gli animali dal carretto, separare  
Spanu rado, detto per i capelli 
Diu ni scanzi d'omu spanu e di fimmina varvuta
greco Span˛s (rado)
Spanatu sgranato, (del filetto di un tubo, vite)  
Sparacogna
      
Asparago pungente
Nel nostro territorio, ed in varie parti della Sicilia, i tralci dell`Asparago pungente venivano usati, con il nome di Sparacogna, come addobbo di soggetti sacri. Essi, infatti, si presentano di un certo effetto estetico e si mantengono inalterati, per molto tempo, sia nella forma che nel colore. In particolare, essi venivano disposti ad arco, a mo` di cielo, sul caratteristico presepe familiare (grutta= grotta) inserendo nelle intricate ramificazioni batuffoli di cotone per simulare i fiocchi della neve.
Asparagus acutifolius

Greco:  sparassien= strappare, per via delle spine
Sparatrappu cerotto per medicare le ferite  
Spardari consumare, vistitu spardatu
Spardari l'¨agliu = consumare l'olio
Di j¨arnu nun ni v¨agliu e di notti spardu l'¨agliu
Come dire: non vuoi fare una cosa di giorno e consumi olio di notte!
 
SpŔnniri spendere, dare via il denaro, consumare
Cu gudagna quattru e spenni setti, nun ha bisognu di vurzi e vurzetti
Nelle feste (battesimi e matrimoni) l'atto di offrire i dolci (viscotta)
 
Spinci specie di tortelli col miele  
Spirciari bucare, passare da parte a parte  
Spirdatu spiritato, stralunato: ¨acchi spirdati  
Spirlicchiu giuoco con pezzi di legno o canna (lippa milanese)  
Spirnuciari lambiccarsi il cervello  
Spirtusari bucare (d¨nami týampu ca ti spirtusu)  
Spitu spiedo, bacchetta di ferro appuntita per governare il fuoco  
Spiziali speziale, farmacista  
Squatrajari sconquassare  
Statýa stadera, strumento pere pesare con leva e contrappeso    
Stedda, Stiddari scaglia di legno, ridurre a pezzi  
Stinnilicchiatu steso orizzontalmente, sdraiato  
Stipu piccolo armadio con due imposte
L'onuri di lu mastru su' li stipi = l'opera loda il maestro
 
Stizza collera, stizza
piccola gocciolina d'acqua o d'altro
Livarisi di la stizza e mintirisi a li canali 
(Evitare un male minore e andare incontro ad uno maggiore)
 
Stizziari piovere appena appena, il cadere di li stizzi  
Stradantulatu sventato, strano, distrutto (fisicamente)  
Strauliari trasportare i covoni (di grano) nell'aia  
Str¨mmula trottola  
StruppiÓrisi farsi male, storpiarsi  
Strusciari aprire, scartare, tirare fuori dalla "truscia"  
Subbia scalpello  
Sucari succhiare, poppare
SucÓrisi 'na cosa o 'na pirsuna cull'occhi = vagheggiarla, mangiarsela
cogli occhi e con lo sguardo
 
Sucapýdita dicesi di persona noiosa che si attacca alle costole, rompiscatole  
Sudda sulla, erba per cavalli, miele di sudda,   Hedysarum onobrychis  
Sulamaru chi raccoglie i rimasugli dei frutti (mandorle, spighe)  
Sullena solenne (di una festa)  
S¨rchiaru paletto, spranghetta di ferro per serrare la porta  
Surci, Surciddu topo, topolino  
Susu sopra  
Svacantari, Sbacantari svuotare, tirare fuori il contenuto
metaforico: Ti scavantu = ti uccido, ti tiro fuori gli intestini
 
     
     
T
T

Tabbarru sorta di mantello, tabarro ('ntabarratu)  
Tabbia, tabbietta muro sottile di semplici mattoni ebr. Tavah
Tabbobbiu scimunito, stupido, allocco greco Zambos (stupore)
Tabbutu cassa da morto greco Tafos (sepolcro)
Taccarýaddu bastone nodoso  
Tacchiari macchiare, rincorrere velocemente  
Taddarita pipistrello  
Tafanariu scherzevole per dire culu
aviri un gran tafanariu!
 
Tafanu, Tavanu tafano, mosca un po' pi¨ lunga di quella normale e che pizzica  
TaffitÓ tela di seta leggerissima e molto fragile
cerotto per coprire le ferite
 
Taliari guardare  
Tamarru zotico  
Tancinu scaldino si rame con dentro la brace viva  
Tanticchia, Tecchia un pochino  
Tappinara donnaccia, donna di facili costumi  
Tarý moneta siciliana equivalente a 42 centesimi  
TatÓmmaru stupido  
Tecchia, Tanticchia un pochino  
Tettu m¨artu soffitta, sottotetto  
Ticcia falchetto, gheppio  
Tigna, Tignusu eruzione cutanea del capo, avere la tigna
GrattÓrisi la tigna, Calliari la tigna ad unu = mandare in incollera
 
Tignusýaddu geco, simile a lucertola che vive sui muri di casa  
Timpa luogo pi¨ elevato e scosceso
Timpi timpi = in luoghi disagevoli
Cu' simina 'nta li timpi ricogli tampi
(Chi semina in luoghi disagevoli non raccoglie nulla)
Greco: Tumbos
Timpagnu il fondo della botte
muro (sottile) con cui si ottura un vano di porta o finestra
 
Timpulata, Timpuluni schiaffo, ceffone  
Timpuni (Timpa) zolla, pezzo di terra compatta
Cu' scippa timpuna mancia cuddiruna
Chi lavora la terra ha del pane
 
Timugna catasta, accumulo, (di gregni)  
Trabbacca testata superiore od inferiore del letto  
Tradantula ragno, tarantola  
Tradantuliari traballare, muoversi, (come un ragno) (tradantulýa lu denti)  
Tradenta tridente in legno per smuovere la paglia  
Trappitu impianto per schiacciare le olive e produrre l'olio  
TrÓsiri entrare  
Trimulizzu tremore, il tremare di paura  
Tringuli tentennare, barcollare 
Fari jiri unu tringili minguli
Francese: tringle
Trippari ballare a piccoli salti, ballare con agitazione
Lu cunigliu trippa ni lu trippaturi
 
Trippaturi luogo dove saltellano i conigli appena usciti dalla tana  
Trippu allegria, gioia smodata
PigliÓrisi di trippu
 
Trischiari intrigare, trescare, tresca amorosa  
Trispu, Trispa arnese di ferro per sostenere le tavole da letto, trespolo  
Trivulu tribolazione, lamento
Jittari lu trivulu = dolersi, rammaricarsi
Trivulu pi trivulu mi tengu a me maritu ch'Ŕ diavulu (il male minore)
 
Tr¨accula strumento in legno, con due maniglie laterali, usato la settimana santa; agitato emetteva un sordo rumore (di giubilo per l'avvenuta resurrezione del Cristo)  
Trucculiari muovere, dimenare (vedi cutuliari)  
Trucculuni detto  per sfregio a persona dappoco, stupido, sciocco  
Tr¨anu tuono  
Trubbu tufo, calcare e argilla, marna di colore giallastro  
Trunzu fusto del  cavolo, torsolo
per sfregio detto ad uomo sciocco
Trunzu trunzu = sfacciatamente
PÓmpina assumiglia a trunzu = figlio assomiglia a padre
 
Truppicari inciampare spagnolo tropezar
Truscia fagotto, fardello (di panni), 
"Culu di truscia"= persona naticuta
trousse=fardello
Trusciata una truscia piena  
Trusbu persona ignorante, zoticone  
Trusculiari rovistare, cercare animatamente  
Truzzari sbattere, cozzare  
T¨artula trottola  
T¨mminu
  Munnýaddu
  Quarta
  Sarma
misura di capacitÓ, tumulo
un quarto di tumulo
un sedicesimo di tumulo
salma (16 o 20 tumuli a seconda della zona)
 
Tunnu  rotondo, tondo, cretino (cu' nasci tunnu, nun po' muriri quatratu!)
tavolo rotondo
 
     
     
U
U
Uassupizziddu malleolo, osso del collo del piede, piacýri finu all'¨assupizziddu  
Ugnu unghia, ugnu 'ncarnatu
Aviri unu 'ntra l'ugna = averlo in potere
Jiri 'na cosa finu all'ugna di lu pedi = piacere molto
Purtari unu all'ugnu di muriri = ridurre uno in pessimo stato
Di l'ugna si canusci lu lignu = dai segni si conoscono le cose
 
Ummira ombra (scantÓrisi di la propria ¨mmira)
 
Unchiatu gonfio, tumefatto  
Unni dove, in che luogo  
Unza, Unzi oncia, moneta
peso equivalente a 0,066 chilogrammi, dodicesima parte del rotolo
ed a metri 0,0214, dodicesima parte del palmo
moneta equivalente a lire 12,75
Du' unzi e vinti = a bizzeffe, tantissimo
Arricogliri ad unza e cacari a rotula= mettere insieme a fatica e poi consumare in una sola volta
 
     
     
V
V
Vacanti vuoto, privo, andare a vuoto
'Ntra chinu e vacanti = circa, presso a poco
 
Vadduni valle, vallone  
Vaiana baccello (del pisello)  
Vappariarisi fare lo spavaldo  
Vapparusu spavaldo, millantatore  
Vappu guappo, uomo lesto di mano, che vanta solo la forza
Cu' grapi putýa di vappu prestu la chiudi, perchŔ ogni vappu prima o poi trova uno ancora pi¨ vappu di lui
 
Vara specie di barella in legno con cui si portano in processione le sacre immagini
MŔttiri ad unu supra la vara = esaltarlo
 
Varbýari, Varberi barbiere
Ogni varberi sagna = ogni barbiere salassa
Varveri giuvini e medicu vecchiu = il primo deve avere la mano ferma, il secondo deve avere esperienza
 
Varda, Vardedda sella del mulo
Arristari cu la varda sutta lu ventri = restare deluso
SŔrviri di varda e di sedda = servire uno in tutto
Mettiri la varda ad unu = soverchiarlo
 
Varliri, Varrili piccola botte, barile  
Varvajanni uccello notturno, barbagianni, che urla la notte  
Vasari baciare 
cu' du vucchi voli vasari, l'una havi a lassari
 
Vattanu inghiottitoio (d'acqua)  
Vattýu, vattiari battesimo, battesimare  
Vaviarisi sbavarsi  
Výantu vento, 
erba di výantu, erba che cresce spontaneamente con l'umiditÓ

PARETARIA OFFICINALIS
Výartuli, VŔrtuli specie di bisaccia che si rivolta sulle spalle e sull'arcione
Aviri li vertuli chini e la panza vacanti = inutile avere senza potere spendere
L'occhiu a mýa e li mani a li vertuli = stare guardingo
lat: vertula
Viddanu villano, contadino  
Virrina punteruolo a elica  
Vinturi le venti ore di un tempo (ore 16 circa)  
Visazza bisaccia, come výartuli ma con tasche grandi   
Vo', vua bue, buoi  
Vommaru vomere, punta di ferro tagliente incastrata nell'aratro con cui si taglia la terra  
Vossýa voi, lei  
Vozza  gozzo, vescica dei polli sotto il collo  
Vozzu bernoccolo, gonfiore
Aviri 'na cosa 'nta lu vozzu = mulinare qualche mal fatto
La prena pi lu vozzu, e la stirpa pi lu cannarozzu, (per manifestare la golositÓ di alcune donne gravide, vere o finte, che con quella scusa sono vogliose di tutto)
 
Vraca brache, pantaloni
CalÓrisi li vrachi = darsi per vinto
Ristari cu li vrachi 'mmani = perdere le spese
Lu culu ca nun Ŕ ýnsignatu ad aviri vrachi, quannu l'havi tutti si li caca
(per deridere uno che non Ŕ avvezzo a cose grandi)
Si li to' vrachi su di vitru, nun cci po' fari pýdita d'azzaru
(Chi Ŕ debole non stia a cozzare)
 
Vrazza braccia  
Vrigogna vergogna, rossore
Cu' perdi la vrigogna nun la trova cchi¨ 
 
Vrisca favo, dove le api depongono il miele, ('na vrisca di meli)  
Vua vuoi (da volere)  
Vucca bocca
A vucca chiusa nun trÓsinu muschi= chi tace non sbaglia
Nun mittiri mai la vucca unni nun ti tocca
 
Vuccýari, Vucceri macellaio, venditore di carne
Essiri comu lu vucceri supra lu cippu = non volere ascoltare ragioni
 
Vuccirýa mercato chiassoso
Fari vuccirýa = fare molto chiasso
 
Vuddýcu ombelico  
V¨ddiri bollire  
Vudýaddu, vudeddu budello
ArriminÓrisi li vudedda = Gorgogliare
CÓdiri li vudedda = perdersi d'animo
FÓrisi li vudedda fradici = Arrabiarsi
Jittari li vudedda = vomitare
Lu vudeddu straniu cchi¨ chi dintra lu ficchi,cchi¨ nesci
(Vuol dire di non fidarsi degli estranei)
 
Vuntari voltare, rivoltare, girare  
Vuscari guadagnare  
     
     
X X   (Suono aspirato, ciacca = shiacca)
Xiascu, ciascu fiasco  
Xiatu, Ciatu fiato  
Xiauru, Ciauru odore  
Xiocca chioccia  
Xiumi, Ciumi fiume  
Xiancu, Ciancu fianco  
Xiunnata folata di calore, di vento  
Xiusciari, ciusciari  soffiare  
     
     
     
W
W
     
     
Z
Z
Zabbara, Zabbaruni agave, aloe  
Zabbatiari sguazzare (nell'acqua)  
Zabbobbia vivanda liquida stomacosa  
ZÓccanu rumore fastidioso  
Zalora, azzalora in italiano Azzeruola o Lazzeruola
frutto grosso come una ciliegia, polpa bianca o giallastra, gusto dolce-agro, molto piacevole. Ricco di vitamina A.
Crataeyus azarolus
Zammatiari sguazzare (nell'acqua)  
Zanna zingara  
Zaccurafa grosso ago molto resistente  
Zanna girovago (iri zanniannu)  
Zarca specie di erbetta  
Zimmili vedi catu  
Zita fidanzata (zita vasata nun perdi vintura)  
Zorba sorbo, il frutto Ŕ tondo, pi¨ piccino d'una noce, di colore tra il rosso-bruno e il giallo-scuro, con gusto acidulo. Maturata sulla paglia diventa dolce e succoso, proprietÓ astringenti.
Cu lu tempu e cu la pagghia si maturanu li zorbi
 
Zotta pozza d'acqua, frusta  
Z¨abbiu voragine, baratro, grosso buco  
Zuccuni torsolo (vesti zuccuni ca pari baruni)  
Zuppiddu zoppo, (fari lu diavulu zuppiddu, il diavolo a quattro)  
Zza sta per signora, La zza Turidda  
Zzi, Zzu sta per signore, Lu zzi Peppi