PICCOLO VOCABOLARIO SICILIANO
              (vecchie parole ormai fuori uso comune

A B C D E  F    G H  I  J K L M  N O P Q R  S  T  U V  W  X Y    Z

SICILIANO

ITALIANO

ETIMOLOGIA

S
S

Sabbanadica Mi benedica, vossýa mi benedica (usato anche come saluto di rispetto)  
Sacchetta tasca  
Sacchina piccola sacca di tela (lona) usata dai contadini a tracolla  
Sacciu so, conosco (da sapere)
E cchi nný sacciu! (E che ne so!)
 
Sagnari salassare, cavare sangue
cavare danaro
 
Sagnaturi mattarello di legno per spianare la pasta  
Sagula  velatura e cordame -  cordicella fissata alle curve del basto o delle selle σαγυλα = velatura e cordame
Saia fosso, scavo rettilineo  
Saimera recipiente di terracotta per conservare gli alimenti  
Saimi lardo di maiale, strutto  
Sampugna foglia verde arrotolata a tromba; vibrando emetteva un suono,
zampogna
 
Sancisuca sanguisuga 
La sancisuca mai lassa di sucari, si mai si 'ngrassa
 
Sanfas˛ senza etichetta, senza cerimonia, a casaccio, alla buona Fr. sans facon
Sangunazzu sanguinaccio, budello pieno di sangue di maiale  
Santiari bestemmiare  
Santiuni bestemmia  
Sarma salma, misura di capacitÓ (vedi t¨mminu)  
Sarmentu il tralcio della vite  
Sataredda erba aromatica dall'odore molto piccante, pi¨ dell'origano  
Sbacantari vuotare  
Sbalanzu precipizio, masso sopraelevato  
SbarattÓrisi agitarsi, andare in confusione  
Sbardiddari togliere la sella dal mulo (vardedda)  
Sbardu stormo, insieme di animali, uccelli  
Sbarracari aprire con violenza (sbarracari la porta)  
Sbarrari vuotare  
Sbintari fare prendere aria a qualcosa, sfiatare
Fari sbintari 'na cammara = Aprire le imposte perchÚ cambi l'aria
 
Sbirticchiari tirare fuori, sgranare (gli occhi)  
Sblavitutu scolorito (di un vestito, un indumento)  
Sborgiri sporgersi, venire fuori, prominente  
Sbraccu saltello, passo lungo, saltare un fosso
Cu' du' sbracchi = In due gran passi
 
Sbrizziari piovigginare, (stizziari)  
Sburdiri sciogliere, slegare (sc¨siri), ingegnarsi a trovare il senso di una cosa  
Scacari cedere, finire di fare una cosa, arrendersi, desistere
finire un'amicizia
detto della trottola = finire di girare
 
Scacazzu, Cacazzu forte spavento  
Scaccanu, scaccaniari forte risata, ridere a crepapelle  
Scacciari scacciare, allontanare
schiacciare, rompere
Cadi la casa e mi scaccia = persona dai molti dubbi
 
Scaccu
    
piccolo riquadro nelle stoffe
scacchi, giuoco degli scacchi (si vince dando scacco matto al re)
Dari scaccu, aviri scaccu mattu
 
Scaffalýattu listelle a forna di semisfera, scaldaletto
si metteva sotto le coperte con al centro un tancinu
 
Scagliuni il dente canino  
Scagnu Scrivania o scrittoio, e per estensione il locale ufficio  
ScaliÓri rovistare, frugare dentro qualcosa (vedi: riscŔdiri) καλιαδα = fra le capanne, frugare nelle tasche, perquisire
Scalýari Parte del carciofo, gambo del carciofo  
Scallalýattu
 
scaldaletto
in genere, da noi, era un "tancinu", uno scaldino di rame con dentro la brace, che veniva posto al centro del letto; le lenzuola erano protette da uno "scaffalýattu", un insieme di listelle a forma di semisfera.
 
Scalunera gradinata  
Scaluni gradino  
Scampari fine della pioggia
chioppi, scampÓ e nun si ni potti parlari cchi¨!
 
Scanatu pane lavorato sullo "scanaturi"  
Scanaturi tavola di legno su cui viene lavorato il pane (pani scanatu)  
Scanazzatu nullafacente, lazzarone  
Scancaratu sgangherato, (fuori dai cÓncari)
rovinato (pinna scancarata)
 
Scannabeccu coltello con la punta ritorta  
ScannaliÓrisi scandalizzarsi, perdere il vizio (ma anche avvedersi)  
Scannaliatu avveduto, esperto (per avere fatto una brutta esperienza)  
ScantÓrisi, scantu spaventarsi, paura  
Scanzari evitare (Diu ni scanzi d'omu spanu e di fimmina varvuta)  
Scanzia scaffale, ripiano, suddivisione dello spazio interno di un mobile  
Scarda piccola striscia appuntita di legno, scheggia  
Scarsizza miseria, ristrettezza economica
Quannu pi tanta scarsizza di lazzu, quannu pi tanta scarsizza di puzzu
Non venirne a capo o per un motivo o per un altro
 
Scasciari scoppiare (scascia la scupetta, un tr¨anu)  
Scassapagliaru uomo da nulla, poveraccio  
Scassari rompere, rompere, forzare  
Scattiari andare a finire lontano 
picchiare, dare botte
 
Scatti¨alu
   
scoppietto, giuoco per bambini, specie di cerbottana
piccolo tubo di canna o sambuco in cui viene introdotto un tappo che viene fatto schizzare lontano con la pressione del palmo della mano 
 
Scazzetta papalina, specie di piccolo berretto che si usa in casa o per la notte, per lo pi¨ adornato con un piccolo pennacchio a coda (giummu)  
Sceccu asino, somaro
giuoco di carte
 
Scerba cenere (guscio di mandorla bruciato per fare sapone)  
Scifu Truogolo, recipiente ricavato in una grossa pietra roccia destinato a contenere il cibo per i maiali
In senso dispregiativo, il piatto in cui si mangia
lat: siphos = vaso
Scinniri scendere, portare gi¨  
Scinnuta discesa  
Schetta  nubile, ancora signorina, non sposata
schietta, donna sincera, candida
 
Schýattu celibe, ancora ragazzo, non sposato
schietto, sincero, candido
 
Schiticchiu cena tra amici  
Sciarra, sciarriarisi zuffa, litigare, azzuffarsi  
Sciddicari scivolare, sdrucciolare
Unni cci chiovi, si sciddica!
 
Scifu truogolo, dove mangia il maiale  
Scimiddiari scherzare, prendere in giro  
Scionta liquefatta (colla)
sciolta (lingua sciolta, parlantina) 
slegata (i legacci della scarpa)
liberata (animale senza "cuddana") 
 
Scippari staccare dal tronco, estirpare, sradicare
cercare di sapere qualcosa
procurasi qualcosa (Scippari vastunati)
lat. excippare
Scolla cravatta  
Scorcia buccia  
Scrafazzari schiacciare, ridurre in poltiglia gre: skÓpto (raschio)
Scrafuniari grattare, strofinare, stropicciare insistentemente (il naso)  
Scramuzzuni residuo di qualcosa (sigaretta, candela, etc.)  
Scrasýantulu millepiedi (verme), 
famiglia: Artropodi, classe: miriapodi, ordine: diplopodi
Pachyiulus communis
Scravagliu scarafaggio,  scarabeo σχαραφις= afide sacro
Scricchiari sbucciare, aprire (i piselli, le fave)  
Scripintari aprire, strizzare (papula o birfuca)  
Scriviri
        
scrivere, scrivere una lettera
Cu' nun sa scriviri, dici ca la pinna Ŕ scancarata
Scriviri cu lu pedi di la gaddina
Vitu scrivi e Nardu arricivi 
(detto del paese di Montedoro, dove Vitu era il medico ed il fratello Nardu il farmacista: come dire fare tutto in famiglia! Culo e camicia)
 
Scrucchiulari levare la buccia (mandorla), sbucciare  
Scrupicchiari Scoperchiare, sollevare il coperchio  
Scrusciu, Scr¨sciri rumore, fare rumore, tintinnare
Tantu scrusciu pi nenti!
Scrusciu assa' e cubbaita nenti = tanto rumore per nulla!
 
Scugnari rompere il naso e far fuoruscire il sangue
scovare (il furetto scugna il coniglio nella tana)
 
Scuncertu vomito, disappunto, sconcerto  
Scunsari Sparecchiare, scunsari la tavula
Rompere un accordo
 
Scupetta fucile da caccia  
Scuppulari finire lontano (vedi arrivulari)
levarsi la coppola
 
Scurciari levare la buccia, sgusciare  
Scurriggini tazzone, grossa tazza per bere il latte  
Scursuni serpente, biscia  
Sc¨siri scucire, rompere
Nun Ŕ pezza chi si cusi e scusi (una cosa stabile, indissolubile)
 
Scutulari abbacchiare, scrollare (i frutti da una pianta, le mandorle)
scuotere violentemente, spolverare
Scutulari l'arbulu, scutulari lu pruvulazzu
 
Scuzzulari far cadere il primo frutto ai fichidindia per ottenerne uno tardivo (ficudinnii natalini).
dare fastidio a persona delicata che s'infastidisce subito
Nun mi tuccari ca mi scozzulu!
 
Sdari, sdÓrisi scappare, sparire, allontanarsi  
Sdillabrari allargare, slabrare (come sbirticchiari)  
Sdillaniari, Sdillaniatu annoiare, essere annoiato  
Sdirrupari cadere malamente  
Sdivacari vuotare, fare uscire fuori, versare  
SŔdiri, RisŔdiri sedere, accomodarsi
ristagnare, decantare (la deposizione della parte pi¨ grossolana dei liquidi)
A sŔdiri = Si accomodi in poltrona (barbiere)
 
Seggia
      
sedia 
Seggia cu li vrazza = sedia a braccioli
lat.  sella
Sfinci frittelle a base di farina, uova, zucchero  
Sgagliari passare vicino, sbagliare di poco, sfiorare
Mi trasti 'na ruccazzata e mi sgagliasti........
 
Sgangu a vanvera, parlare a sgangu, piccolo grappolo d'uva  
Sgraccu sputo catarroso
Megghiu pugna all'occhi, ca sgracchi a lu capizzu = Meglio un marito giovane che vecchio (dicono le ragazze)
Sgracchi di vecchia
 
Sgriddari venire fuori, sbucare (come un grillo)  
Sgr¨appu, sgroppu piccolo ramoscello sottile  
Siddu se, sebbene  
Siddiari annoiare, annoiarsi, dare fastidio a qualcuno Gr.  συνδυο
Siggiaru
       
colui che costruisce o aggiusta le sedie
 
Siggiri riscuotere
sýggiri la paga
 
Siggitedda seggiolino, piccola portantina lat.  sellula
Signa Scimmia
Essiri 'mmiriacu comu 'na signa = Essere ubriaco come una scimmia
 
Sinzali mediatore  
Sirpenti
    
serpe, serpente
Cu' nutrica lu serpi 'nsenu, Ŕ pagatu di vilenu
Fari nesciri la serpi di la tana = Mettere in chiaro una cosa
 
SirrÓculu sega  
Sirratura
  
serratura  
Sissi signor sý! Il contrario di nonsi  
Sivu sego  
Sivusu noioso, prolisso, petulante  
Sminchiari rovinare, picchiare  
Sminnatu rotto, rovinato (cercare di aggiustare una cosa e rovinarla)  
Smurcari scoppiare, non resistere
Smurcari la fami = Essere affamato
 
Socchi quello che, tutto ci˛ che  
Sopidda e chi lo sa?  
Sorti
       
sorte, fortuna
Quannu la sorti nun ti dici, jiŔttati 'nterra e c¨agli babbaluci
 
Spagliari
   
levare la paglia lanciando il grano in aria 
Si 'ntra l'aria nun stai mentri si spaglia, sarai prestu riduttu a pani ed agghia
 
Spajari sciogliere gli animali dal carretto, separare  
Spanu rado, detto per i capelli 
Diu ni scanzi d'omu spanu e di fimmina varvuta
greco Span˛s (rado)
Spanatu sgranato, (del filetto di un tubo, vite)  
Spara
    
pezzo di stoffa arrotolato da poggiare sulla testa per attutire il peso di un oggetto (quartara, tavola col pane, etc.)   
Sparacogna
      
Asparago pungente
Nel nostro territorio, ed in varie parti della Sicilia, i tralci dell`Asparago pungente venivano usati, con il nome di Sparacogna, come addobbo di soggetti sacri. Essi, infatti, si presentano di un certo effetto estetico e si mantengono inalterati, per molto tempo, sia nella forma che nel colore. In particolare, essi venivano disposti ad arco, a mo` di cielo, sul caratteristico presepe familiare (grutta= grotta) inserendo nelle intricate ramificazioni batuffoli di cotone per simulare i fiocchi della neve.
Asparagus acutifolius

Greco:  sparassien= strappare, per via delle spine
Sparatrappu cerotto per medicare le ferite  
Spardari consumare, vistitu spardatu
Spardari l'¨agliu = consumare l'olio
Di j¨arnu nun ni v¨agliu e di notti spardu l'¨agliu
Come dire: non vuoi fare una cosa di giorno e consumi olio di notte!
 
Sparti inoltre, di pi¨ ancora  
SpŔnniri spendere, dare via il denaro, consumare
Cu gudagna quattru e spenni setti, nun ha bisognu di vurzi e vurzetti
Nelle feste (battesimi e matrimoni) l'atto di offrire i dolci (viscotta)
 
Spica spiga, pannocchia dove stanno racchiusi i chicchi di grano
Nun tutti li spichi vannu all'aria = Non tutti frutti vanno al padrone
A jazzu di troja cci vo' truvari spichi? = In casa di ladri cerchi onestÓ?
 
Spical¨aru, Spicalora chi va spigolando, chi va raccogliendo spighe per i campi mietuti  
Spicciaturi pettine con dentatura fine, ottimo per snidare i pidocchi!  
Spiddiri finire (spiddý = Ŕ finito)  
Spinci specie di tortelli col miele  
Spirciari bucare, passare da parte a parte  
Spirdatu spiritato, stralunato: ¨acchi spirdati  
Spirlicchiu giuoco con pezzi di legno o canna (lippa milanese)  
Spirlonga pi¨ lunga che larga, vassoio 
piatto molto grande e fondo, di forma ovale
posto al centro tavola vi mangiava tutta la famiglia
 
Spirnuciari lambiccarsi il cervello  
Spirtusari bucare (lu surci cci dissi a la nuci: d¨nami týampu ca ti spirtusu)  
Spitu spiedo, bacchetta di ferro appuntita per governare il fuoco  
Spiziali speziale, farmacista  
Spriri sparire, scomparire  
Spunnari sprofondare, sfondare, rompere  
Spuntari riuscire in una cosa
che comincia a manifestarsi (l'alba)
attraversare un corpo apparendo dall'altra parte, sforacchiare
cominciare a nascere (la barba)
 
Squatrajari sconquassare  
Statýa
 
stadera, strumento per pesare con leva ad indice, su cui scorre il contrappeso, e gancio per arpionare il materiale da pesare.
 Ha una grossa portata rispetto alle bilance 
 (vedi vilanza) 
gr.  στατηρ
Stedda, Stiddari scaglia di legno, ridurre a pezzi  
Sticchiu l'organo femminile per eccellenza, vulva, clitoride Gr.  στιςικον =stimolatore
Stidda stella  
Stigghiola involtini di carne d'agnello o di pollo
cosa lunga pi¨ del solito (Stigghiolu si dice ad uno lungo e sciocco)
 
Stinnilicchiatu steso orizzontalmente, sdraiato  
Stipu piccolo armadio con due imposte
L'onuri di lu mastru su' li stipi = l'opera loda il maestro
στυφω = addenso
Stizza collera, stizza
piccola gocciolina d'acqua o d'altro
Livarisi di la stizza e mintirisi a li canali 
(Evitare un male minore e andare incontro ad uno maggiore)
 
Stizziari piovere appena appena, il cadere di li stizzi  
Stradantulatu sventato, strano, distrutto (fisicamente)  
Strafalariu Straccione, Trasandato, distratto, con la testa per aria Sp. estrafalario
Strammari andare fuori di testa, rimbambire  
Strasattu, A strasattu a cottimo, lavoro preso a prezzo stabilito (vedi a muzzu)  
Stragula utensile di legno che si collegava al basto per caricarlo di pietre stragula=lettiere per le pietre
Stratagliari prendere una scorciatoia, in senso figurato = anticipare  
Strauliari trasportare i covoni (di grano) nell'aia per la trebbiatura  
Straviari, Straviatu distratto, distolto da una cosa
(extra via veare = spingere fuori strada) disperdere, far perdere
extra via veare
Strazzari lacerare, strappare una cosa  
Stricari stropicciare, strofinare
Stricari a unu 'na cosa 'nta lu mussu = Sbattergliela in faccia
StricÓrisi 'nta li linzola = Stare a poltrire a lungo nelle lenzuola
 
Strolugu astrologo αστρολογον ) astrologo
Strummagliuni dicesi di cosa grossa, molto grande  
Str¨mmula trottola
Fari firriari unu comu 'na strummula = Strapazzarlo
Essiri lu rumanýaddru d'a str¨mmula = Puparu, chi tira i fili
gr:  στρομβοσ
Strunzu  stronzo, cretino Lg.  strunz=merda
StruppiÓrisi farsi male, storpiarsi  
Strusciari aprire, scartare, tirare fuori dalla "truscia"
il contrario di 'ncartari
 
Stujari pulire, ripulire
Stujarisi lu mussu
Stujarisýnni lu culu = Non importagliene nulla
 
Stularatu staccato dal telaio
fuori di senno
 
Stuppinu stoppino,   filo della candela Gr.  στυπινον
Subbia scalpello  
Sucari succhiare, poppare
SucÓrisi 'na cosa o 'na pirsuna cull'occhi = vagheggiarla, mangiarsela
cogli occhi e con lo sguardo
 
Sucalora tubo di gomma per lĺacqua succula=succhiatrice
Sucapýdita dicesi di persona noiosa che si attacca alle costole, rompiscatole  
Suddra sulla, erba per cavalli, miele di suddra,   Hedysarum onobrychis Edysarum coronarium
Sugliuzzu singhiozzo
Lu scantu fa passari ogni sugliuzzu
 
Sulamaru chi raccoglie i rimasugli dei frutti (mandorle, spighe)  
Sullena solenne (di una festa)  
Surcera
attrezzo per acchiappare i topi
una piccola gabbia la cui porta si chiude quando il topo tenta di mangiare il formaggio affrancato ad una piccola leva
 
S¨rchiaru paletto, spranghetta di ferro per serrare la porta  
Surci, Surciddu topo, topolino  
Susu sopra (contrario di jusu)  
Suttapanza imbracatura per i muli  
Svacantari, Sbacantari svuotare, tirare fuori il contenuto
metaforico: Ti svacantu = ti uccido, ti tiro fuori gli intestini
 
Svirginari togliere la verginitÓ, usare la prima volta (un oggetto) ex virginare
Svudiddari fare uscire le budella  
Svummicari cambiare colore, il trapelare delle macchie  
     
A B C D E  F    G H  I  J K L M  N O P Q R  S  T  U V  W  X Y    Z