PICCOLO VOCABOLARIO SICILIANO
              (vecchie parole ormai fuori uso comune

A B C D E  F    G H  I  J K L M  N O P Q R  S  T  U V  W  X Y    Z

SICILIANO

ITALIANO

ETIMOLOGIA

C
C
 
Cacaredda diarrea  
Cacazzina cispa agli occhi (¨acchi cacati)  
Cacazzu spavento, pigliarisi un cacazzu (scantu)  
Cac¨acciula carciofo al-kharshűf (arabo)
Caddu callo (al piede)  
Cadd¨azzu pezzo di qualcosa non molto grande
Un cadd¨azzu di sansizza, (pezzo di salsiccia tra una legatura e l'altra)
 
Cafuddari menare, dare con violenza (un pugno)  
Cajorda sporca, sordida, puttanella ebr.  hajordah
CÓjula ornamento del capo usato dalle donne Albanesi  Siciliane
Arristari 'n cajula e 'n cammisa = Rimanere povero
Li birritti canuscinu li cajuli = L'uomo conosce la donna 
CÓjula Ŕ anche la retina bianca dell'agnello, usata per avvolgere li "stigghiola" (involtini) 
gr. kaluntron
Calanniruni svogliato, alto, stupidino   
CÓlia ceci abbrustoliti arabo: haliah
Callararu riparatore di stoviglie di rame, nullafacente  
Calliari scaldare, prendere a botte  
Calliarisýlla prendersela comodamente, non eseguire, assentarsi  
Callu, Caudu caldo  
Camarruni erba velenosa (attassari la naca cu lu camarruni)  
Camuliari
CÓmula, Camuliusu
annoiare, scocciare, insistente e ripetitivo
tarma
Lat:  Camura
arabo: qamla = pidocchio
Camurrusu noioso, petulante, rompiscatole  
Canali tegola  
CÓncaru ganghero, cardine
due piccoli anelli in ferro per congiungere porte e coperchi
Aviri li cancari = essere in collera 
Lassatimi stari pi li cancari mýa! = lasciatemi in pace
 
Canciari cambiare, modificare  
Cancýari tirare calci (del mulo)  
Caniglia crusca (del grano) latino volg.: canilia
Cannar¨azzu
Cannaruzzuni
esofago, gola
stupidone, sciocco
 
Cannata vaso di terracotta o di zinco per l'acqua (baccaredda)  
Cannatuni grande "cannata"
dicesi di persona sciocca
 
Cannedda piccolo pezzo di canna;
cannula adoperata come spagnoletta per collegare i vari fili allĺordito al  meccanismo  del telaio;
cannello per attingere il vino dalla botte;
la cannedda di li gammi, le ossa delle gambe, stinco
Jirisýnni 'n cannedda = avere la diarrea
 
Cannila candela
Essiri cu la cannila a lu capizzu = In fin di vita
Essiri comu la cannila chi ad autru luci e se stissa cunsuma
 
Cannola, Cann¨alu
 
fontanella per attingere l'acqua
I milanesi, con un po' di fantasia, la chiamano "vedova", dal momento che piange in continuazione.
 
Cantaranu com˛ con quattro o cinque cassetti  
CÓntaru vaso da notte, orinale latino: cantharus;
Greco: kantaros = vaso da vino
CantÓru quintale (peso)  
Cantunera cantone, l'angolo di una casa, di una strada  
Canzetti, Cuasetti calze  
Canzi, Causi calzoni, pantaloni  
Canziarisi avanzare guardingo, evitare con cura  (larvatus prodire)  
Capiddu capello
PigliÓrisi pi li capiddi
Mýttirisi li mani a li capidi
Ogni capiddu addiventa un travu = Piccola cosa che diventa enorme 
 
Capizzu capezzale, la parte relativa alla testata del letto (vedi trabbacca)
D˛rmiri a capizzu = Riposare sulla diligenza altrui
Cunzari lu capizzu = Recare male ad alcuno, fargli le scarpe 
 
Capizzuni capestro per il mulo o il cavallo  
Cappiaddu cappello
Tinta dda casa chi nun havi cappýaddu = Dove non c'Ŕ uomo
 
Capuliatu, capuliari carne trita per polpette aragonese: capolar
Capuni cappone, gallo castrato
per eunuco, evirato
 
Caravigliaru esoso, che vende a caro prezzo  
Carcara fornace (per fare il gesso), gessaia  
Carcarazzu gazza
Vuci di carcarazzu = Voce dissonante, stonata
 
Carcariari parlare goffamente, tartagliare, 
gorgogliare (il forte bollire della pentola)
 
Carcaruni calcheroni per fondere lo zolfo  
Cardinali
        
cardinale, carica ecclesiastica
punto cardinale
I termini (N, S, E, W) indicano delle direzioni: N e S parallelamente allĺasse di rotazione terrestre, orientate lĺuna verso la Stella Polare (la stella α della costellazione dellĺOrsa Maggiore) e lĺaltra verso la stella α della costellazione nota come Croce del Sud, ed E e W perpendicolari alle precedenti e coincidenti, durante gli equinozi di primavera e dĺautunno, lĺuna con la direzione da cui sorge il Sole e lĺaltra con quella verso cui tramonta.
 
Carduni cardo
stupido, sciocco
 
Carrettu piccolo carro a due ruote trainato da un mulo o cavallo  
Carrittýari carrettiere, che guida il carretto  
Carrozza, carruzzedda
carrozza, carrozzella
Aspittari la carrozza = Di chi indugia nel fare una cosa
Jirisýnni 'n carrozza = Riuscire agevolmente in una cosa
 
Carruazzu
 
   fig. 1             fig. 2
giocattolo per bambini; piccola macchina con struttura metallica e pianale in legno, tre grossi cuscinetti a sfera per  ruote, uno sterzo, un sedile. Spinta da altri bambini scorreva per la piazza e le vie del paese.  Altro tipo di carruazzu era quello della figura 2, fatto con semplici assi di legno e tre cuscinetti a sfera. Veniva trainato o lasciato scivolare nelle pendenze                        vedi     
Cartedda cesto di canna o vimini  
Carusýaddu
   
ragazzo, piccolino
salvadanaio di terracotta
 
 Carzaru, carzaratu
 
   San Vittore-Milano
Carcere, luogo di detenzione
Carcerato
Cu' s'ammuccia e nun Ú pigliatu, nun po' jiri carzaratu
(nŔ a torto, nŔ a ragione, non ti lasciar mettere in prigione)
 
Cascia, Casciuni cassetto di legno (di un armadio, com˛)
cassa da morto (tabbutu)
Jiri comu la cascia di Narduzza =  cosa non ferma, persona che barcolla
 
Castýaddu fuochi d'artificio, castello  
Catacogliri raccogliere, recuperare lontano (riacciuffare qualcuno)  
Catafasciu alla rinfusa, disordinatamente
Iri a catafasciu = Andare in rovina, cadere malamente
 
Catafuttiri Mandare qualcuno  a farsi strafottere!  
Catammari catammari lentamente, con grande calma, con flemma greco: katamera = giorno per giorno
CataplÓsima Cataplasma, impiastro atto a maturare, si dice delle erbe medicinali
persona noiosa che sta sempre introno
καταπασσυμος = da cospargere sulla pelle
Catinazzu catenaccio, serratura  
Catu secchio (essiri lu catu e la senia = sempre insieme) greco: kados; 
latino: cadus
Cat¨aju vano sotterraneo, dispensa, tugurio  ανά α+β+γ+ βαινω Greco:  kαtωgeων
Cavatu, 
cavatuni
un tipo di pasta, cavatuni di meli
stupido
 
Cazzalora
 
casseruola in rame, stoviglie in genere  
Cca banna, di cca banna da questa parte  
CchiossÓ di pi¨ ancora  
Cchi¨ addavýa pi¨ in lÓ nel tempo, dopo  
Cchi¨ agghiri ccÓ pi¨ in quÓ  
Cchi¨ agghiri ddÓ pi¨ in lÓ  
Cchi¨ arrassu pi¨ in lÓ (luogo)  
Chiarchiaru zona desolata piena di sassi, (con tane di animali selvatici)
lu cuccu cci dissi a li cucc¨atti, a lu chiarchiaru ni vidýammu tutti
 
Chicchiari essere balbuziente  
Chiddu quello  
China piena, riempita
la piena di un fiume (CÓlati juncu ca passa la china)
 
Chirchiriddu chierica, la parte pi¨ alta della testa
Cci sbirriÓ lu chirchiriddu = E' impazzito, Ŕ andato fuor di testa
 
Chissu, Chistu questo, ci˛  
Chiummu piombo  
Chiunnata, ciunnata fiondata, folata
'na chiunnata di callu = Una folata di caldo
 
Chi¨riri prudere, avere prurito
Chi¨riri lu culu = Avere prurito al culo, non stare fermo
 
Chiuritu prurito  
Ciabbattinu
    
ciabattino, calzolaio  
Ciampa, Ciampata il palmo della mano, manata καμπη = articolazione, curvatura, zampa
Cianciana, ciancianeddi sonaglio, campanella pendula
(si attaccava p.es. al collo del furetto affinchÚ manifestasse la sua presenza nella tana, mettendo in fuga il coniglio)
 
Ciacca, Ciaccari spacco, fenditura, apertura. Detto di terra = fare solchi
Ciacca cu' muddura, dubbula cu' calura, sýmina quannu Ŕ ura
Dissoda coll'umido, riara col caldo, semina quando Ŕ ora
 
Ciascu
        
fiasco di vetro impagliato, per lo pi¨ contiene vino
Ciascu vacanti si pigghia di muffa = Chi Ŕ povero o digiuno sta male
 
CicaliÓrisi essere pensieroso, preoccuparsi  
Cicaredda, Cicara tazzina per il caffŔ  
Ciccanninu tipico suono della campana (a mezzogiorno e mezzanotte)  
Cýciru, ciciri ceci Lat:  cicer
Ciculiari stridere come il girare di un cancello, 
ripetere una cosa fino alla noia
κιγκλις=cancello
Cimusa riccioli usati  insieme di filamenti legati a fiocchetti per indicare lĺinizio e la fine del tessuto lavorato lat. Cirmosa = piena di riccioli
Cinobiu cenobio, convento, luogo in cui si ritorna solo di sera per cenare o pregare insieme κοινοβιον =cenobio, convento
Cipria cipria, polveri profumate Κυπριδα= Venere nata a Cipro
Cira cera, candela
La cira si squaglia e la prucissioni nun camýna
 
Cirasa ciliegia latino: Cerasium greco: kÚrasos
Cirinu cerino, fiammifero  
Cirnera cerniera 
scatota che contiene i cerini
 
Citr¨alu, citr˛la a forma di cedro allungato, cetrioli/o citriolum= a forma di cedro
Ciuciuliari gozzovigliare, perdere tempo, grattarsela, titillare  
Ciuncu storpio, zoppo
paralitica/o o persona senza arti superiori o inferiori, incapace perci˛ di piegarsi o muoversi normalmente
κλυνω/καμπω
cliunco= piego
Civu cibo  
Coccia (vedi c¨acciu) foruncoli (Aviri li coccia ni la facci)
Coccia: (pl. di C¨acciu, ) chicco, granulo, grano
κοκκος= granulo, insetto
Cofanu cassa metallica κοφινος =cassa metallica
Coffa, Cuffuni recipiente di stoffa o di raffia, borsa  
C˛gliri cogliere, raccogliere colligere=raccogliere
Colabrodu
  
colapasta  
Conca conca, vasca κογχη = conca
Corbezzolo Il frutto (corbezzola) Ŕ una bacca acidula, con doti digestive e rinfrescanti. Si consuma fresca spolverata di zucchero.
Si ottiene un miele amaro e prezioso.
Arbutus unedo
Cota quota = particella,  partizione, lotto di terreno agricolo quota = particella
Crastu agnello castrato, montone
becco, cornuto
Fari crastu ad unu = fargli le corna
Aviri la sorti di lu crastu, ca nasci curnutu e mori scannatu!
Greco: KrÓstos
Criatu, Criata creato, piccola creatura, serva spagnolo: criada
Cricca plica, clique= insieme di persone che sanno adeguarsi alla compagnia per trarne vantaggi) compagnia che ha come fine il divertirsi alle spalle di altri, danneggiandoli  
Cridenza Credenza = Armadio in cui si conservano cibi e stoviglie
Credenza = Credere in qualcosa
Credito = Výnniri (accattari) a cridenza, vendere (comperare) a credito, sulla parola (I debiti venivano segnati in un quaderno chiamato "libbretta"
Manciari o travagliari a cridenza
Cu' 'mpresta li dinari o fa cridenza, 'mpresta 'nnimicizia e resta di senza
Mobile adoperato a partire dal Ĺ400 come contenitore di bicchieri, vasellame, utensili da cucina, alimenti di rapido consumo. Deve forse il nome al fatto che inizialmente imitava lo stile esterno di altari di legno che nascondevano arredi sacri in cassettiere poco visibili esternamente, per i quali cĺera bisogno di credere che fossero capienti anche senza vedere facilmente lĺaccesso alle scaffalature nascoste
 
Crinu crine vegetale fatto col filamento di certe piante; serviva per riempire i materassi al posto della lana  
Criscenti lievito, impasto di pane lievitato  
Criscimugna criseimonia. Augurio che qualcuno o qualcosa continui a crescere e gonfiare;  augurio di buona fermentazioni del pane o di buona lavorazione delle carni del maiale per trarne pezzi pi¨ numerosi e pregiati;  termine riferito alla carne  dei piccoli che, come tale, cresce in continuazione; criseimonia o telata tessuta in un determinato lasso di tempo crescat et ογκ+eat=cresca e gonfi
Crita creta  
Critinu cretino, stupido. Lĺetimo non deve essere collegato al francese cretin/ chretien= cristiano, bensý agli abitanti di Creta costretti ad emigrare che, al pari dei quelli di Chio, venivano considerati stupidi  dai magnogrecani  
Crivu

     


 
    vari tipi di crivu
Setaccio (fino, medio, grosso)
Esistevano setacci pi¨ o meno grandi, e con maglie pi¨ o meno fitte, a seconda dell'uso.
Lu "crivu di sita" aveva maglie molto fitte, e serviva per separare la farina dalla "caniglia" (crusca): la farina era pronta per preparare il pane, mentre la crusca, impastata con acqua, serviva da mangime per le galline.  
Crivu d'¨acchi = setaccio fine 3x3 mm.
Un enorme setaccio, appeso ad un chiodo, veniva manovrato da due persone e serviva a ripulire il grano appena arrivato dall'aia (vedi foto)


.... Appeso il loro crivu dall'enorme circonferenza ad un grosso chiodo per mezzo di tre corde, o facendolo penzolare al centro di tre lunghi pali piantati a terra, era una vera attrazione vederli all'opera. Dopo avere versato un sacco di frumento, si sistemavano ai due lati opposti del setaccio e davano inizio al vorticoso carosello che faceva girare la testa ai curiosi che si soffermavano ad assistere a quel raro spettacolo. Facendo roteare l'enorme attrezzo ora a destra ora a manca, con inversioni repentine, facevano raccogliere al centro dell'attrezzo le eventuali impuritÓ del frumento. Quindi fermandosi di botto eliminavano quanto estraneo al frumento e, con scatto sincronizzato, frutto d'anni d'esperienza, spingendo in alto il setaccio e ritraendolo da una parte, lasciavano cadere il frumento, ripulito da ogni impuritÓ, su una coperta stesa per terra alla bisogna. E mentre un inserviente con un tumulo provvedeva a travasare in un sacco il frumento pulito, i due avevano giÓ ripreso a roteare l'enorme setaccio per un nuovo giro".
(da "La dolce alba di Raffi)
lat.  cribrum

proverbio latino:

Imbrem in cribrum
gerere = Portare
acqua piovana nel
setaccio 
Crozza
                  
capo, cranio, teschio, testa dura
ometto (per appendere la biancheria), gruccia 
Jiri cu li crozzi = Andare adagio
lat.  cochlea
Cr¨accu uncino, molletta (per stendere la biancheria), a forma di croce
κυκλος=curvo, cruceus=a forma di croce
Crusta crosta, la parte dura del pane, del formaggio, etc..  
Cruvacchiu corvo  
C¨acciu, Coccia foruncoli,  (Aviri li coccia ni la facci)
acino, chicco, c¨acciu di racina, di granatu
una piccola parte di qualcosa
C¨acciu cchi¨, c¨acciu menu 
Gr. κοκκος (granello)
C¨ansulu cons˛lo, pasto per i parente del morto,
consolazione, bevande o pasti inviati ai famigliari del defunto per onorarli e invogliarli a continuare a mangiare
Consollatio = consolazione
C¨appu recipiente a forma di cono (di carta, di metallo) cupus = concavo
C¨appula coppola (anche in senso metaforico)
berretto, cappello con la visiera ma senza falde
cooperis pilea=copri-capelli
C¨azzu parte posteriore del capo, dorso, sommitÓ  
CubbÓita torrone di mandarla 
(prov: scrusciu assa' e cubbÓita nenti = tanto rumore per nulla)
 
Cucchiara, cucchiaredda cucchiaio di legno, usato per girare la minestra nella pentola,  mestolo per girare il latte o i latticini   CucχiÓra,cochleare/a
Cuccu Cuculo, uccello ritenuto vagabondo o incapace perchÚ fa covare le sue uova ad altri uccelli cuculus = cuc¨lo
Cucucciu colmo oltre misura, sovrappi¨  
Cuculiari rotolare, scivolare lentamente  
Cuculiarisýlla prendersela comodamente  
Cuculiddri sassolini a forma di uovo,   sassolini rotondi coco litora= sassolini
Cucummaru cocomero, cetriolo   κακος κομαρος= cattivo frutto
Cucuruni grosso bernoccolo  
Cucuzza, Cucuzzedda  zucca, zucchina, testa, capo 
(testa ca nun parla si chiama cucuzza)
(Di sali e spiazii minticcinni 'na visazza, c˛nzala comu v¨a, sempri Ŕ cucuzza)
latino tar.:  cucutia
Cuddana fune, cavezza per muli e cavalli  
Cuddari sparire, tramontare (Affaccia e codda)
inghiottire un boccone, ingoiare
collocare=mettere dentro, collem velare=nascondere il colle, inghiottire  
 
Cuddiredda dolce povero, di pasta frolla, che si preparava a carnevale, a forma di ciambella Greco:  kollura
cum lura = con lĺaureola
Cuddiruni
 
pasta schiacciata messa a cuocere, (resta cruda e dura)
(ognunu tira la bracia a lu so' cudduruni= al proprio interesse)
Tondo, duro di comprendonio; si dice per offendere una persona
 
Cuddura cerchio, ruota, cose disposte in circolo, fune attorcigliata, ciambella
NŔ a Santi la curuna, nŔ a picciriddi la cuddura,
Non fare promesse nŔ ai santi nŔ ai bambini (Non dimenticano!)
 
Cufilaru cucina a legna  
Cufinu recipiente cilindrico di vimini o di canna (pi¨ grande di panaru)  
Cu fu? chi Ŕ stato?  
Cugliuniari equivale a babbiari, prendere in giro, burlare, scherzare
 
coleonis iocare= giocare con i testicoli
Cugnu zona impervia e desolata, 
cuneo di legno o ferro
 
Culiarisýlla prendersela comoda  
Culu culo, fondo di recipiente
Aviri culu = essere fortunati
A cculu apponti = Sedere sporgente
Aviri lu vermi 'nculu = Essere inquieto
Cci fa lu culu Jabucu Jabucu = Avere paura
 
Cu lu parmu e la gnutticatura lett: Col palmo e la piega
Rendere un torto due volte tanto
 
Cumannamýantu ordine, comando
Bannu e cumannamýantu
Cumannu e cumannamýantu, ordini di lu sýnnacu, viditi...... (Era la classica introduzione del banditore per le vie del paese, dopo i rulli di tamburo)
 
Cumannari
  
comandare, ordinare
Fari lu cumanna-cumanna = Comandare con alterigia
Nun sapi beni cumannari cu' nun sapi beni fari
Cu' cumanna havi a dari cchi¨ cuntu
Lu cumannari Ŕ mýagliu ca f¨ttiri!
 
Cummattiri occuparsi di una cosa  
Cummigliari coprire  
Cumpanaggiu companatico, tutto ci˛ che si mangia col pane  
Cundogliu, cunduglianzi cordoglio, condoglianze, pranzo servito dopo un funerale per confortare i partecipanti, Cum doleo=con dolore
Cunetta cunetta costruita sulle strade per convogliare le acque Cuna = culla
Cunfettu confetto, mandorla contornato da zucchero, etc.. confectum/a=realizzato con
Cunigliu coniglio
Stari comu un cunigliu di ddisa = Grasso, grosso e ben tenuto
Pigliari lu forti comu lu cunigliu = Mettersi al sicuro
 
Cunn¨ciri condurre, portare in giro, prendere per il naso  
Cuntra copriletto matrimoniale  
Cunzari conciare, condire (una pietanza), preparare, imbandire  (la tavola)
far assumere un altro colore o sapore, aggiustare, insaporire, rendersi disponibile
essere "cunzatu pi la festa" = restare fregato di qualcosa
compsiare/comptiare=conciare
Cunzatu condito (pani cunzatu cu l'¨agliu)  
Cupýarchiu coperchio cum operculo = coperchio
Cuppinu mestolo κοφινος= contenitore  
Curatulu responsabile della gestione   curae latum= incaricato di curare
Curdaru fabbricatore di corde
Jiri 'nnarrýari comu lu curdaru = non progredire, di male in peggio
chordarius= capace di fare corde
Curina centro, cuore, grumolo, parte interna di un insieme di foglie serrate e raccolte insieme; curina d'insalata, la curina di la palma
Essiri ni la curina di l'invernu = Essere nel cuore dell'inverno 
κυρμina = cima
Curmurasu contenitore usato per misurare volumi di cereali, che deve essere prima colmato e poi pareggiato,  passando un listello o rasŔra che riempie gli interspazi e fa cadere fuori i cereali in eccesso colmo rasum =da radere quando colmo
Curnacchia cornacchia κορωνη κραζα, cornix gracula, cornacula
Curredu arredi da telaio, in lino o lana,  che venivano dati alla donna come dote, per uso comune nella casa dei nuovi sposi.  Questo corredo era costituito da un certo numero di tovaglie, lenzuola, coperte, fodere per letti e cuscini, bisacce, sacchi,ecců cum erede do= consegno insieme con lĺerede mio
Currýa cinghia, cintura
correva (da correre)
Sp. Correa
Curriola carriola di legno
un tipo d'erba peri i conigli
 
Currivu dispiaciuto, indispettito, corrucciato, restarci male
alterarsi, innervosirsi, arrabbiarsi, prendersela a male, cambiare umore perchÚ ci si risente con noi stessi o con gli altri
cum ripare/rivare= saltare da una sponda allĺaltra
Cursa
corsa, gara, corsa a piedi, coi sacchi, in macchina
 
C¨siri cum suere/consuere/cosuire) legare insieme, cucire cum suere
Custura cucitura (per stoffa), porte sopraelevata di una collina  
Cuti ciottolo di fiume  
Cuticchiu sassolini (di fiume) Cuticχia: (cuticula=sassolini
Cutriglia coltre, coperta per l'inverno  
Cuttuni di mattula cotone non filato, cotone idrofilo  
Cuttunina trapunta, coperta imbottita molto pesante, il piumone dei nostri nonni  
Cutugnu albero cotogno, il frutto Ŕ la mela cotogna, a forma tondeggiante, colore giallognolo, gusto aspro e allappante (allappusu).
Metaforicamente indica amarezza e afflizione.
Dari o agghi¨ttiri cutugna (digerire offese)
Li cutugna di li ziti (amarezze e discordie tra fidanzati o sposi)
 
Cutuliari muoversi appena (di un dente)
scuotere un albero per raccoglierne  i frutti; malmenare qualcuno. 
quatere collata /collatare= scuotere e raccogliere
Cutupiddi parola per indicare il nulla, nulla di nulla, una cosa insignificante
modi di dire: Cutupiddi, testa di minchia senza capiddi
                     Testa di cutupiddi
 
Cuva, cuvari, cuvata cuba, incubita, cova, uova ancora non schiuse Cuba, incubita
Cuviari covare qualcosa contro qualcuno  
     
A B C D E  F    G H  I  J K L M  N O P Q R  S  T  U V  W  X Y    Z