PICCOLO VOCABOLARIO SICILIANO
              (vecchie parole ormai fuori uso comune

A B C D E  F    G H  I  J K L M  N O P Q R  S  T  U V  W  X Y    Z

SICILIANO

ITALIANO

ETIMOLOGIA

M
M

Macchia
   
macchia, segno che resta nella superficie di qualcosa
darsi alla macchia, scappare
Macchia di l'¨acchi = Leucoma
Macchia di peddi = epatite
Li macchi hannu l'¨acchi e li mura hannu l'oricchi 
Macchia solare dovuta all'esplosione di materia della sua superficie 
 
Magaru indovino, che fa il mago  
Maýdda madia, cassa di legno per lavorare la farina
Li tri di la maýdda = I tre bricconi
 
Maýsa maggese, terra incolta, a riposo  
Malichiddýri fastidio, problemi   
Maniari usare, maneggiare, palpeggiare
Cu' manýa, nun pinýa = Chi maneggia la roba degli altri, non va a letto senza cena
 
Maniata resti, tracce; 
segno evidente del passaggio di una preda (per esempio di conigli per i cacciatori)
gruppo di persone (in senso spregiativo)
 
Manica manica, parte del vestito che copre il braccio
Aviri unu 'ntra la manica = Averlo in sua balýa
Aviri 'na cosa 'ntra la manica = Esserne certo
NŔsciri 'na cosa di la manica = Inventarla
Chistu Ŕ n'autru paru di manichi = Questa Ŕ un'altra faccenda
Aviri la manica larga = Essere di manica larga 
 
MammarÓ mamma grande, nonna  
Mammatessa libellula infilzata per culo da un  gambo di spiga  
MÓnnira luogo di ricovero per il gregge
Cu' travaglia ni la mÓnnira, mancia ricotta
 
Maramma Il "maestro di maramma" era anticamente il responsabile della costruzione delle chiese, sovrintendeva alla sua edificazione, raccoglieva le questue, etc..
Il capo maestro di maramma Michele Migliore del fu Filippo di Serradifalco, aveva fatto nel 1861 dei lavori a Montedoro e quindi pretendeva dal sindaco di "quella comune", ducati 27, pari ad onze 9, per accesso, recesso, spese per vettura, fondaco, locanda e cibaria. 
L'ottenne? NON si sa!
Ogni pitrudda servi a la maramma
Maramma mmezzu via, mastri in quantitÓ
gr. malagma = calce
MÓrcatu il luogo dove sta il gregge
Firriari pi mÓrcati e pi mulina = Andare a zonzo
 
Marchisi marchese, titolo nobiliare
la mestruazione delle donne (Avýri lu marchisi)
 
Margunata paglia che il vento ammonticchia ai lati dell'aia, a forma di semicerchio, dopo avere liberato il frumento  
Maria la cani contrada in cui sorge il cimitero  
Marranzanu
scacciapensieri
piccolo strumento di ferro: applicandolo fra le labbra e percuotendone la linguetta, vibra emettendo un suono particolare
Marranzanu e viulinu ti diverti a lu matinu 
 
Marredda matassa di filo  
Masann˛ altrimenti  
MÓscara maschera, faccia  
Mascaratu monello, cattivello  
Mascariatu annerito, sporco  
Mascidda guancia, mascella  
Masciddata mascellata, ricevere un colpo sulla guancia,
Riciviri 'na masciddata = ricevere un'offesa
 
Masticogna un tipo d'erba medica  
Masticuni boccone, masticuni di pani  
Mastru chi esercita un mestiere manuale, maestro
mastru d'scia, mastru muraturi, etc.
Nun sia nisciunu ca si fazza mastru = nessuno creda di non sbagliare
Mastru chi fa un panaru ni fa centu = chi fa trenta, fa trentuno 
 
MÓttula vedi cuttuni di mattula, 
orinale

latino: matula (orinale)
Mazzacani sasso, pietra, non grande ma sufficiente per ferire un animale   
MÓzzara contrappeso (grossa pietra) di un orologio meccanico  
Mazzaredda tenerume di cavoli fioriti  
Mazziari percuotere con la mazza, picchiare  
Mazzola bacchette (per suonare un tamburo)  
Mazzu mazzo, unione di qualcosa legata insieme
Facýti mazzi pýcciuli chi la cittÓ Ŕ granni = piccole porzioni per tutti
Mettiri tutti 'nt'on mazzu = fare d'ogni erba un fascio
 
Mazz¨alu, Mazzola martello di ferro o di legno, da scalpellino, scultore, muratore
piccoli bastoni con capocchia per suonare il tamburo
 
Mazzuliari picchiare qualcuno o su qualcosa  
Mazzumaurýaddu
   

   
tromba d'aria (risucchio), occhio del ciclone, tornado
alle nostre latitudini sono dei piccoli vortici 

I tornado sono vortici depressionari di breve durata dove i venti possono raggiungere velocitÓ molto elevate, superiori ai 300Ş400 Km/h; questi fenomeni avvengono essenzialmente nelle zone pianeggianti degli Stati Uniti e dell'Australia e si sviluppano sotto le grandi nubi temporalesche (cumulonembi).
 
Meli
            
 
miele, prodotto delle api
Il miele Ŕ quella linfa dolce e appiccicosa con cui le api si assicurano la sopravvivenza durante l'inverno. Per questo durante la stagione calda le api hanno molto da fare: per ottenere un grammo di miele devono attingere a 8000 fiori, dai quali esse succhiano il nettare, una soluzione zuccherina che all'interno del loro corpo si trasforma in miele.
Aviri lu meli 'm mucca e lu diavulu a lu cori = buone parole mali fatti
Nun si mancia meli senza muschi 
(Non si fa pu˛ fare del bene senza poi avere fastidi)
Lu meli si fa liccari e lu feli si fa sputari
A cu' havi la frevi, o guastu lu balataru, lu meli sapi amaru
(Allo svogliato il miele pare amaro)
 
Merca obiettivo, pietra per segnale, bersaglio  
Mercu segno, marchio, taglio fatto sulla pelle, segno lasciato da percossa  
MŔusa milza (pane con la mŔusa, a Palermo)  
Mýaccu, Meccu, Mecciu lo stoppino di una lucerna, panno per accendere il fuoco
Il colare del naso (Pulizzýati ssu meccu!)
Essiri comu don Cola mecciu chi ogni cosa cci fa 'mpacciu = noioso
SŔntiri lu fetu di lu mecciu = presentire prevedere una cosa
 
Mýannula,  mandorla (dura, muddisa, dunci, amara)
Aviri li mennuli = Avere gonfiore nello stomaco
La mennula ciurisci e la fimmina 'mpazzisci = Quando il mandorlo fiorisce la donna s'innamora
 
MidŔ, midemma pure, parimenti, anche  
Midudda cervello  
Minchia il pene
pesce di vario colore (minchia di re)
Cosi fatti a minchia = Cose fatte male
Viva 'sta minchia e la banna ca sona = C'Ŕ poco da rallegrarsi
Sta minchia! = No!
E chi minchia dici! = Non dire cretinate!
Testa di minchia! = Sei proprio stupido!
E cu' minchia sý? = E chi ti credi di essere?
Minchia muscia = povero diavolo, incapace
Minchia cacata nenti! = Non rompere le scatole, non darmi fastidio!
lat. Mentula (Catullo)
Minchiata, Minchiunata fesseria (fare una minchiata)
Asicutari lu sceccu a minchiati = Non concludere nulla
 
Minchiuni sciocco, balordo
Fari lu minchiuni = fare lo sciocco
Cu' nasci minchiuni, minchiuni mori!
Fari lu minchiuni pi nun pagari la tassa = Fingersi sciocco
 
Minna seno
spesso si usa a posto di "minchia" (meno volgare)
 
Minnaredda! esclamazione di stupore o di contrappunto (come misca)  
Minnulicchia mandorla ancora tenera  
Minnuta dal grosso seno  
Mýntina melma (nauseabonda per l'odore di zolfo)  
Minzogna bugia, dire il falso
La minzogna havi curti li pedi e la viritati appressu veni
 
Misca! Miscaredda! espressione di stupore (per non dire minchia!)  
Mmarredda gomitolo, giuoco per bambini  
Mmicciari allacciare, collegare (un tubo)  
Mmirriacu ubriaco, beone  
Mmirriari avvitare  
Mmirriusu complicato, estroverso  
Mmistinu manesco, dal fare poco pratico
Trasiri lu mmistinu mmezzu la tunnara = persona rompiscatole
 
Mmizzigliatu smorfioso, coccolato  
Mmurdutu conciato, coperto in malo modo  
Mm¨rmuru voluminoso, fastidioso
Fari 'mmurmuru
 
Mmustra mostra, apparenza, dimostrazione
risvolto di vesti di diversi colori
assaggio di qualcosa in visione
Nun si po' lamintari d'ingannu, cu' pi mmustra accatta lu pannu
(PoichŔ la mmustra spesso inganna!)
 
M˛ccaru il muco nasale Spagnolo =  Mocarro
Mpajari mettere il giogo ai buoi, mettere uno sotto qualcosa, sgridare
si lu 'mpaiÓ 'nnavanti= lo riempý di contumelie
 
Mpigna faccia, maschera  
Mpirricanari
Mpirriciuciari
(l'atto di) fare l'amore
(da pirricana e pirriciuciu)
 
Mpirtusari nascondere, mettere in un buco (pirtusu)  
Mpissunari mettere in un fosso, sottoterra (fissuni)  
Mpisu appeso, impiccato
"a la casa di lu 'mpisu nun si po' appenniri l'agghialoru", come dire:
non rammentare certe cose che suscitano irritabilitÓ in certuni
 
Mpurriri imputridire  
Mu! dammi, donami  
M¨addu molle, tenero  
M¨aviti fermati (al contrario dell'italiano muoversi, camminare)  
Muccarusu Moccioso, che ha il naso ancora imbrattato di muco (vedi m˛ccaru)
Dicesi, per spregio, di persona inesperta
 
Muddica mollica  
Muddisi molle, tenero (mandorla)  
Mudd¨ra acquazzina, brina, rugiada, umiditÓ che penetra nelle ossa  
M¨dina residuo dell'olio, fondo, feccia  
Munnari mondare, pulire, sbucciare (l'arancia, la pera, etc)  
Munnu il mondo  
Muntata salita  
Murmurera lamentevole, che si lamenta
Gatta murmurera = Il lamento della gatta quando mangia e non vuole essere disturbata
 
MurmuriÓrisi lamentarsi, borbottare  
M¨rmuru ingombro (fastidioso)  
Murtaru mortaio, tubo per lanciare razzi
mortaio, vaso cilindrico per pestare materiali
Pistari l'acqua 'nta lu murtaru = fare cose inutili
 
Muru muro, materiali connessi in modo ordinato
Caminari muru muru = rasente al muro
A lu muru vasciu tutti si cci app˛ianu = Ŕ facile prendersela coi deboli
Nun essiri muru d'appizzari chiova = difficile da farsi infinocchiare
 
Muscal¨aru piccola apertura che veniva praticata sopra la porta per fare uscire le mosche all'esterno  
Muscaredda specie di ficodindia bianca  
Mussu muso, (mussu untatu e la panza vacanti)  
Mustazzu baffi 
Lassa purtari lu mustazzu a lu gattu! (cioŔ a chi lo sa fare!)
 
MutÓrisi cambiarsi d'abito  
Muzzuni brocca con la parte superiore svasata
ci˛ che resta di una candela, o di una sigaretta in parte consumata
 
A B C D E  F    G H  I  J K L M  N O P Q R  S  T  U V  W  X Y    Z