PICCOLO VOCABOLARIO SICILIANO
              (vecchie parole ormai fuori uso comune

A B C D E  F    G H  I  J K L M  N O P Q R  S  T  U V  W  X Y    Z

SICILIANO

ITALIANO

ETIMOLOGIA

V
V  
Vacanti vuoto, privo, andare a vuoto
'Ntra chinu e vacanti = circa, presso a poco
 
Vacili bacinella  
Vadduni valle, vallone, luogo scosceso dove scorre acqua
Aviri passatu vaddi e vadduna (essere sperimentato)
 
Vaiana guscio, baccello (del pisello)  
Vanniari gridare, gettare il bando  
Vappariarisi fare lo spavaldo  
Vapparusu spavaldo, millantatore  
Vappu guappo, uomo lesto di mano, che vanta solo la forza
Cu' grapi putža di vappu prestu la chiudi, perchŤ ogni vappu prima o poi trova uno ancora piý vappu di lui
 
Vara specie di barella in legno con cui si portano in processione le sacre immagini
MŤttiri ad unu supra la vara = esaltarlo
 
Varbžari, Varberi barbiere
Ogni varberi sagna = ogni barbiere salassa
Varveri giuvini e medicu vecchiu = il primo deve avere la mano ferma, il secondo deve avere esperienza
 
Varda, Vardedda sella del mulo
Arristari cu la varda sutta lu ventri = restare deluso
SŤrviri di varda e di sedda = servire uno in tutto
Mettiri la varda ad unu = soverchiarlo
 
Varliri, Varrili piccola botte, barile  
Varvajanni uccello notturno, barbagianni, che urla la notte  
Vasari baciare 
cu' du vucchi voli vasari, l'una havi a lassari
 
Vastasata fare un qualcosa di abietto  
Vastasu vile, abietto, sporcaccione, becero, facchino
A bonu vastasu nun manca saccu (Chi Ť buono nella professione non sta senza gli arnesi necessari - A buon cavalier non manca lancia)
Gr. Bastazo
Vastunaca pastinaca; pianta con radice rossa, simile alla carota, molto dolce   
Vattanu inghiottitoio (d'acqua)  
Vattžu, vattiari battesimo, battezzare  
Vaviarisi sbavarsi  
Vžantu vento, 
erba di vžantu, erba che cresce spontaneamente con l'umiditŗ

PARETARIA OFFICINALIS
Vžartuli, VŤrtuli specie di bisaccia che si rivolta sulle spalle e sull'arcione
Aviri li vertuli chini e la panza vacanti = inutile avere senza potere spendere
L'occhiu a mža e li mani a li vertuli = stare guardingo
lat: vertula
Viddanu villano, contadino  
Vilanza
          
   
bilancia
Gli attrezzi per pesare sono tanti:
- Bilancia da tavolo, due piatti posti in orizzontale con un indice: in un piatto vanno i pesi, nell'altro la roba da pesare
- Vilanzuni (vedi foto) ť una bilancia manuale, con un piatto ed un'asta con contrappeso: quando l'asta Ť orizzontale il peso esatto viene letto sugli indici dell'asta. Ha piccola portata
- Stadera (vedi statža) funziona come il "vilanzuni", ma Ť molto piý robusta ed Ť indicata per pesate maggiori. In genere al posto del piatto ha un gancio 
Essiri 'na vilanza = essere indecisi
La vilanza nun canusci differenza tra l'oru e lu chiummu = Imparziale
 
Virrina punteruolo a elica  
Vinturi le venti ore di un tempo (ore 16 circa)  
Viria 
Viriati
verga, bastone
dare bacchettate
Li vžrii nun si rumpinu tutti 'nzemmula = L'unione fa la forza!
 
Visazza bisaccia, come vžartuli ma con due tasche grandi per il trasporto di cereali; una volta piene, venivano arrotolati i lembi e legati con una funicella. Veniva adagiata sulla "vardedda" del mulo, penzoloni.    
Viscuatto, Viscotta biscotto, biscotti
Lu Signuri duna li viscotta a cu' nun li sapi arruzzicari
 
Viualu viottolo, stradina di campagna  
Vo', vua bue, buoi  
Vommaru vomere, punta di ferro tagliente incastrata nell'aratro con cui si taglia la terra  
Vossža voi, lei  
Vozza  gozzo, vescica dei polli sotto il collo  
Vozzu bernoccolo, gonfiore
Aviri 'na cosa 'nta lu vozzu = mulinare qualche mal fatto
La prena pi lu vozzu, e la stirpa pi lu cannarozzu, (per manifestare la golositŗ di alcune donne gravide, vere o finte, che con quella scusa sono vogliose di tutto)
 
Vraca brache, pantaloni
Calŗrisi li vrachi = darsi per vinto
Ristari cu li vrachi 'mmani = perdere le spese
Lu culu ca nun Ť žnsignatu ad aviri vrachi, quannu l'havi tutti si li caca
(per deridere uno che non Ť avvezzo a cose grandi)
Si li to' vrachi su di vitru, nun cci po' fari pždita d'azzaru
(Chi Ť debole non stia a cozzare)
 
Vrancicuni carpone, con le mani a terra  
Vrazza braccia  
Vrigogna vergogna, rossore
Cu' perdi la vrigogna nun la trova cchiý 
 
Vrisca favo, dove le api depongono il miele, ('na vrisca di meli)  
Vua vuoi (da volere)  
Vuazzu, Vozza bernoccolo, gonfiore
Lu výazzu di la gaddina
Aviri 'na cosa 'nta lu vozzu = Mulinare qualcosa
 
Vucca bocca
A vucca chiusa nun trŗsinu muschi= chi tace non sbaglia
Nun mittiri mai la vucca unni nun ti tocca
 
Vuccžari, Vucceri macellaio, venditore di carne
Essiri comu lu vucceri supra lu cippu = non volere ascoltare ragioni
 
Vuccirža mercato chiassoso (Palermo)
Fari vuccirža = fare molto chiasso
 
Vuddžcu ombelico  
Výddiri bollire, emanare vapore  
Vudžaddu, vudeddu budello
Arriminŗrisi li vudedda = Gorgogliare
Cŗdiri li vudedda = perdersi d'animo
Fŗrisi li vudedda fradici = Arrabiarsi
Jittari li vudedda = vomitare
Lu vudeddu straniu cchiý chi dintra lu ficchi,cchiý nesci
(Vuol dire di non fidarsi degli estranei)
 
Vuntari voltare, rivoltare, girare
cadere
 
Vurza Borsa, 
Inviluppo cutaneo che contiene i testicoli, scroto
Semu amici e li vurzi si cummŗttinu
Megliu dogghia di vurza ca di ciri
βύρσα= sacchetto di pelle
Vuscari guadagnare  
Vutti
      
botte, recipiente a doghe di legno per contenere il vino
Dari un cýarpu a la vutti o unu a lu timpagnu (Alla botte ed al cerchio)
La vutta chi nun Ť attuppata, sventa (A chi non sa tenere un segreto)
Prima di la vinnigna, cÚnsati la vutti
gr.   Βόθ
     
A B C D E  F    G H  I  J K L M  N O P Q R  S  T  U V  W  X Y    Z